Ricevo e pubblico dal Movimento Cinque Stelle Pozzuoli
********************************************

In questi giorni stanno arrivando le bollette idriche relative al secondo e terzo trimestre 2018, con scadenza rispettivamente al 31 dicembre 2018 e al 28 febbraio 2019.

Diversi cittadini ci stanno contattando lamentando di aver ricevuto bollette “pazze”.

Non sappiamo quanto sia esteso il fenomeno, ma nei casi esaminati abbiamo potuto constatare che l’Ente continua a commettere sempre lo stesso “errore”.

In mancanza di letture precise, relative al periodo di riferimento, ricorre a consumi presunti ricavati dalle due ultime letture effettuate.

Nel fare questo calcolo, però, addebita spesso consumi relativi a periodi di 4, 5 mesi ad un solo trimestre, facendo impropriamente lievitare i costi, in alcuni casi quasi raddoppiandoli, come nel caso riportato in figura. In altri casi, vengono addirittura applicate tariffe da non residente.

È vero che i conti torneranno a conguaglio con l’ultima bolletta dell’anno, sempre che si facciano le letture, ma riteniamo che far pagare nell’immediato molto più del dovuto, per poi inviare una bolletta molto leggera per l’ultimo trimestre, possa creare forti disagi alle famiglie in difficoltà economica.

Abbiamo provato, già a novembre scorso, a spiegarlo all’Assessore al “Bilancio”, ma evidentemente il concetto non è stato recepito.

Ancora una volta si mettono impropriamente le mani nelle tasche dei cittadini, come se non bastasse l’aumento del 30% delle tariffe applicato da gennaio 2017, ma che, a nostro avviso, non dovrebbe più sussistere, viste le sentenze e le delibere che hanno bocciato gli aumenti della fornitura all’ingrosso della provvista d’acqua. A tal proposito abbiamo chiesto una riduzione delle prossime bollette.

COSA CONSIGLIAMO DI FARE SE SI RICEVE UNA BOLLETTA CHE SI RITIENE “PAZZA”:

  1. Effettuare una lettura del contatore e verificare se i calcoli del consumo presunto sono molto difformi da quelli reali (seguendo l’esempio in figura);
  2. In caso affermativo, fare una foto del contatore riportante la lettura aggiornata e: a) Recarsi presso gli uffici per la riscossione dei tributi in Via Campana n°250 F (Piano Terra) il Martedì e Giovedì dalle 9:00 alle 13:15 e dalle 14:15 alle 17:00 con tutta la documentazione necessaria (documento di riconoscimento, bollettini ricevuti e foto contatore); oppure b) Richiedere via email una revisione delle bollette, inviando foto della lettura.

Esempio di email da inviare a: antimo.tella@comune.pozzuoli.na.it oppure giuseppina.mosi@comune.pozzuoli.na.it:

In riferimento agli avvisi di pagamento n°…. e n°….,il/la sottoscritto/a,………, nato/a a ………… il ……… e residente in ……….. (Codice Fiscale ……..), titolare del contratto idrico con codice cliente n°………., avendo riscontrato un addebito superiore rispetto al consumo effettuato nei trascorsi trimestri,

CHIEDE

il ricalcolo degli importi e l’emissione di nuove e corrette bollette, tenendo conto della lettura attuale, pari a ……….. mc e relativa alla data ……….., di cui si allega prova fotografica.

In attesa di un cortese e celere riscontro, porgo Distinti Saluti…………………..

Commenti