A seguito della partecipazione al bando del MIUR 2020/2021 “Monumenti ed identità nazionale – La scuola adotta un monumento, uno spot per l’Italia di domani” promosso dalla Fondazione Napoli ‘99, l’Istituto Petronio di Pozzuoli si attesta come unica scuola dei Campi Flegrei vincitrice di una delle medaglie d’oro con il progetto di adozione del Palazzo Toledo di Pozzuoli.

Il Petronio, da sempre aperto alla conoscenza e alla storia del territorio con la collaborazione attiva a manifestazioni e progetti territoriali, motiva ed alimenta anche il senso di appartenenza e della propria identità culturale degli allievi privilegiando la lettura di testi di storia antica locale presenti in una sezione specifica della biblioteca scolastica.

Il gruppo di lavoro (composto dai ragazzi della IV sala B e I D guidati dalla professoressa Maria Teresa Urso con la collaborazione della professoressa Raffaella Iovine dell’associazione Gruppo Archeologico dei Campi Flegrei) ha riscoperto i tesori di un sito culturale che ha svolto molteplici funzioni nella vita sociale di Pozzuoli, il Palazzo Toledo, per anni dimenticato e poi tornato in auge.

I ragazzi hanno realizzato un video guida del Palazzo dalle origini ad oggi, attraverso le tappe fondamentali.

Esso nasce come sontuosa residenza di corte in epoca vicereale ed è trasformato in carcere in epoca borbonica per diventare poi ospedale negli ultimi cento anni fino a rinascere come importante polo culturale con annessi archivio e biblioteca dove sono custoditi testi e documenti editi ed inediti della nostra storia.

“Il Petronio di Pozzuoli per la seconda volta consecutiva ottiene questo importante riconoscimento – dichiara il dirigente scolastico Filippo Monaco (nella foto) ringrazio le docenti e gli studenti che hanno partecipato alla realizzazione del breve ed efficace video che ci ha consentito di competere in tutta Italia con molti altri istituti. Nella nostra scuola si studia turismo e noi abbiamo il dovere di promuovere il territorio. I nostri ragazzi lo sanno e anche in questa occasione lo hanno fatto nel migliore dei modi. Si tratta di un lavoro di squadra che ha messo insieme competenze diverse. Gli studenti hanno avuto modo di conoscere la storia locale, di raccontarla e di lavorare utilizzando le nuove tecnologie allestendo un video promozionale”.

(fonte: comunicato stampa)