Il verde pubblico non andrebbe mai calpestato, ma ciò  non autorizza nessuno a rendere questi spazi una fonte di enorme pericolo.

Alcuni cittadini ci hanno infatti segnalato i rischi  che si corrono su alcune aiuole del lungomare di via Napoli.

Le foto che abbiamo scattato ieri sera sul posto sono fin troppo eloquenti e testimoniano la presenza di buche-trappola disseminate un po’ ovunque, in cui, soprattutto di sera, si può mettere un piede in fallo e farsi davvero molto male.

Un’eventualità che, come è facile immaginare, può capitare in particolare ai bambini in tenera età, anche solo per rincorrere un pallone, con conseguenze potenzialmente devastanti sull’integrità dei loro arti inferiori.

Queste cavità non sono altro che gli alloggiamenti  dell’impianto di irrigazione automatica delle aiuole: è chiaro che non dovrebbero restare scoperti ed è altrettanto  evidente che bisogna intervenire al più presto per “tapparli”.

Anche perché eventuali ferite, distorsioni, slogature o fratture andrebbero pure ad incidere sul bilancio del Comune, che sarebbe costretto poi a dover pagare fior di quattrini a titolo di risarcimento danni