“E’ un fenomeno preoccupante e allarmante”. Non usa mezzi termini il sindaco Enzo Figliolia nel commentare l’ennesimo rogo di auto (stavolta ben tre) avvenuto stanotte a Monterusciello, in via Libero Bovio.

E’ il secondo episodio del genere avvenuto in quattro giorni (sabato scorso toccò a due vetture e all’esterno di un’abitazione nella vicina frazione di Reginelle), il quarto complessivo nell’arco di poco più di sei settimane.

Le auto incendiate stanotte in via Bovio (foto campiflegreinews)

Gli altri due si sono verificati a distanza di 23 giorni sul lungomare di via Napoli: il 25 febbraio andarono in fiamme due vetture in via Domenico Fatale, il 20 marzo altre due in via Cappuccini.

Degli ultimi tre casi in ordine di tempo non ci sarebbero dubbi sulla matrice dolosa.

Il sospetto degli inquirenti è che si stia spostando più di qualcosa negli equilibri malavita organizzata locale e che dunque siamo di fronte ad una serie di raid intimidatori.

Ne sapremo ovviamente di più col passare del tempo.

Il sindaco Enzo Figliolia

Per ora, non possiamo fare altro che registrare le parole del Primo Cittadino, il quale si dice sicuro che “le forze dell’ordine e la Magistratura presteranno la stessa attenzione manifestata fino ad oggi con azioni puntuali e il conseguimento di importanti risultati nella lotta contro la criminalità” e si appella “anche ai cittadini” invitando “chiunque conoscesse particolari o fosse testimone di azioni o movimenti sospetti” a riferirlo “senza esitazione alle forze dell’ordine, anche in forma anonima”, ricordando che “tutti (società civile, associazioni, amministrazione, consiglio comunale) dobbiamo fare la nostra parte e collaborare per il bene della comunità contro la microcriminalità e la camorra”.

Commenti