HomeAttualitàAppalto “sospetto” al rione...

Appalto “sospetto” al rione Terra: ecco cosa viene contestato al sindaco Figliolia

spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

“Condotte illecite seriali e sistematiche” per favorire le attività dell’imprenditore Salvatore Musella. E’ questo lo scenario ipotizzato dalla Procura di Napoli nell’ambito delle indagini che hanno portato all’emissione di dodici avvisi di garanzia sulla gestione di alcuni appalti riguardanti la società puteolana Cytec.

Nell’inchiesta è coinvolto anche il sindaco Enzo Figliolia (accusato di corruzione e turbativa d’asta), che, secondo gli inquirenti, in cambio di posti di lavoro, avrebbe tentato di favorire proprio questa impresa per consentirle di partecipare al bando di gara per l’assegnazione del primo lotto del rione Terra.

A giudizio degli investigatori, infatti, attraverso l’attuale Capo dell’Amministrazione ed il dipendente comunale Angelo Tortora, lo stesso Musella riuscì ad ottenere informazioni ritenute riservate sui requisiti di partecipazione all’appalto.

Al vaglio della Procura c’è anche la decisione di Figliolia di rinviare la data di pubblicazione di quella gara: secondo i pubblici ministeri, infatti, quello slittamento avrebbe avuto proprio lo scopo di consentire a Musella di individuare un partner alberghiero che fosse in possesso delle caratteristiche indispensabili per partecipare all’appalto.

E’ importante ricordare che la Cytec non ha vinto la gara per la concessione del rione Terra (si è classificata infatti seconda) ma l’esito definitivo dell’appalto non è stato ancora reso pubblico sul sito ufficiale del Comune in quanto evidentemente sono ancora in corso le verifiche sulla congruità delle offerte, affidate dall’Amministrazione ad una società esterna pagata circa 58mila euro, così come è scritto nella determina 388 del 2 marzo (che potete consultare cliccando QUI).

Molto più delicata, invece, al momento appare la posizione di Nicola Oddati, il dirigente nazionale del Pd che ieri si è autosospeso da ogni incarico di partito.

I magistrati gli contestano di aver intascato, a partire dall’estate scorsa, oltre 50mila euro proprio dall’imprenditore interessato all’appalto per l’aggiudicazione del primo lotto del rione Terra.

spot_img

Ultimi articoli pubblicati