Chi ha un contenzioso col Municipio per il pagamento dei tributi, potrà accordarsi con l’Ente e pagare solo una parte di quanto dovuto.

Lo ha stabilito oggi il Consiglio Comunale che ha approvato a maggioranza il regolamento per la definizione delle controversie tributarie.

Un atto previsto dal governo nell’ambito del decreto legislativo sulla cosiddetta “pace fiscale”.

L’assessore Liguori (foto gino conte)

Come ha spiegato in aula l’assessore alle finanze Gianluca Liguori, il condono sarà applicabile a tutte le controversie pendenti alla data del 24 ottobre 2017 e riguarderà, per l’appunto, tutti i tributi comunali (Imu, Tasi, tassa sui rifiuti, occupazione di suolo pubblico e imposta sulla pubblicità).

Se la controversia è pendente in primo grado in commissione tributaria, il cittadino può chiuderla subito pagando il 90% del dovuto senza sanzioni e interessi.

Se si ha una sentenza favorevole in primo grado ed il ricorso è pendente in Appello, il cittadino può patteggiare versando il 40% del dovuto (senza sanzioni e interessi).

Se si ha infine una sentenza favorevole sia in primo grado che in secondo grado e il Comune ricorre in Cassazione, si può pagare il 5% del dovuto (senza sanzioni e interessi) e congelare il verdetto della Suprema Corte.

Per aderire al condono tributario, bisogna presentare, entro il prossimo 31 maggio un’istanza al protocollo generale del Comune, sia a mano, sia con raccomandata sia attraverso pec.

La cifra patteggiata, se è superiore a 1.000 euro, potrà essere pagata in otto rate, tre con scadenza nell’anno in corso (31 maggio, 30 settembre e 30 novembre) e cinque con scadenza l’anno prossimo (31 gennaio, 31 marzo, 31 maggio,  30 settembre e 30 novembre).

Hanno votato contro questo condono soltanto i tre consiglieri di opposizione (Raffaele Postiglione, Antonio Caso e Domenico Critelli), sottolineando la loro ostilità a un “provvedimento non solo eticamente ingiusto nei confronti di chi ha sempre pagato tutto o di chi non ha pagato ma non ha fatto ricorso, ma probabilmente illegittimo nell’applicarlo anche alle associazioni sportive, con sconti ancora maggiori”.

Commenti