Addobberanno la città dal 2 dicembre all’8 gennaio e costeranno alla collettività poco meno di 182mila euro.

Sono le 659 luminarie (24 in meno dell’anno scorso) che stanno per essere installate nei vari quartieri di Pozzuoli dalla ditta siciliana che, con un ribasso del 9,17%, si è aggiudicata la specifica gara indetta dal Comune.

Sette le tipologie di decorazioni che ammireremo in questi 45 giorni, anche se, finora, dagli atti ufficiali pubblicati dall’Amministrazione, non conosciamo con esattezza quali modelli vedremo in ogni specifico luogo del nostro territorio.

Sappiamo però, attraverso queste stesse documentazioni, i nomi delle strade in cui vedremo  sfavillare il tutto.

E possiamo anche fare un confronto con ciò che accadeva lo scorso anno.

LE LUMINARIE DI QUEST’ANNO

LE LUMINARIE DELL’ANNO SCORSO

Rispetto a dodici mesi fa, infatti, almeno a giudicare dalle carte ad oggi divulgate attraverso il sito istituzionale dell’Ente, ci sono alcune novità: 22 luminarie in più infatti saranno installate in centro (1 in più a via Serapide, 2 in più nella zona porto lato ristoranti e traverse, 10 in più in via San Gennaro fino all’Accademia, 4 in più in via Oberdan, 5 in più in via Anfiteatro), 9 in più a via Artiaco, 5 in più a via Pisciarelli, 2 in più al viale dell’Europa Unita e 24 in più a Toiano (9 in più a via Cicerone, 8 in più a via Ovidio e 7 in più a via Catullo), 6 in più nella zona della chiesa di San Massimo a Licola.

Dalle stesse carte notiamo che, rispetto allo scorso anno, dovrebbero mancare invece 52 installazioni nel Giardino Incantato della villa comunale, 4 a Monterusciello (via Brancati, via Marotta, via Scarpetta e via Capuana),  3 al rione Gescal (area chiesa, viale degli Imperatori e via Sotto il Monte), una a Toiano (piazza Plinio il Vecchio), 2 a Licola (Parco Enea e Parco Azzurro), una  in piazza 2 marzo, una a Reginelle, una sulle Palazzine e quelle tradizionalmente montate all’esterno della sede del Comune, dei vigili urbani e della caserma dei Carabinieri.

Ovviamente, come quasi sempre accade, le luminarie natalizie sono un “work in progress” per cui c’è da aspettarsi che, tra aggiustamenti, ripensamenti e integrazioni, il risultato sia diverso dal preventivato.

Non resta dunque che aspettare la posa in opera degli addobbi per fotografare la situazione reale e dare il via alla inevitabile sarabanda di pareri e opinioni, puntualmente discordanti.