(foto di repertorio)

Una guardia giurata ha messo in fuga tre ladri che volevano “ripulire” la cassaforte del Municipio.

Il fatto, che si è appreso soltanto oggi, è accaduto nella notte tra sabato e domenica della settimana scorsa.

Durante il suo turno di ronda, infatti, il vigilante si è trovato di fronte a tre individui col volto coperto dal cappuccio di una tuta e, impugnando la pistola di ordinanza, è riuscito ad allontanarli.

Gli aspiranti mariuoli si trovavano all’ingresso della palazzina numero 5, dove si trova l’ufficio Economato e dove è custodita l’unica cassaforte presente nella sede centrale dell’Ente, al rione Toiano.

La palazzina 5 in cui è custodita la cassaforte del Comune
La palazzina 5 in cui è custodita la cassaforte del Comune

Evidente il loro intento: svaligiarla e rubare i circa 40mila euro custoditi all’interno.

Una cifra molto più alta del solito, in quanto gli incassi dei grattini per la sosta e del parcheggio multipiano non erano stati versati in banca da tre settimane.

Circostanza evidentemente nota ai malviventi, il che lascia spazio all’inquietante sospetto sull’esistenza di una “talpa” che potrebbe aver dato informazioni ai ladri sul contenuto dell’armadio blindato.

palazzina-7I banditi sono scappati attraverso lo stesso varco da cui, presumibilmente, sono entrati, ossia scavalcando la recinzione (fin troppo accessibile) posizionata alle spalle della palazzina 7, quella in cui sono ubicati gli uffici del Sindaco e della Giunta.

L’episodio è al vaglio dei carabinieri ma dovrebbe far riflettere anche l’Amministrazione sull’opportunità di organizzare meglio il servizio di sorveglianza degli uffici comunali.

E’ stato infatti solo per caso che, durante il proprio turno di ronda, la guardia giurata in questione abbia “incontrato” i ladri sul proprio cammino.

Già il fatto che le perlustrazioni, in un ambiente così ampio, siano effettuate da un solo vigilante, è alquanto anomalo: basterebbe immaginare cosa sarebbe potuto accadere se uno dei malviventi, invece di stazionare con i complici, si fosse trovato alle spalle della guardia giurata e dunque fosse stato potenzialmente in grado di immobilizzare il vigilante o addirittura  di sottrargli l’arma.

L'ingresso del Municipio e il gabbiotto delle guardie giurate
L’ingresso del Municipio e il gabbiotto delle guardie giurate

Ci si chiede tuttavia se non sarebbe il caso di installare delle telecamere in tutti i  punti “strategici” del Municipio, e non solo all’ingresso, di modo che, anche tra una ronda e l’altra, si possa intervenire controllando cosa accade attraverso i monitor collegati alla videosorveglianza.

Oppure installare un sistema di antifurto nei pressi degli obiettivi “sensibili”, ossia all’esterno o all’interno delle palazzine in cui sono custoditi soldi, apparecchiature o documenti di valore.

Vedremo se e quali decisioni saranno prese in merito.