Due colpi in quattro giorni, un terzo sventato e chissà quanti altri messi a segni in passato senza che nessuno sospettasse di loro.

Due finti clienti (un uomo e una donna) si aggirano tra le attività commerciali del centro storico per rubare tutto ciò che possono distraendo titolari e commessi.

Ne sanno qualcosa tra il corso Garibaldi, via De Fraia e via Cosenza, dove da domenica (e fino a ieri sera) la coppia di malintenzionati ha fissato il proprio quartier “generale”.

Accompagnati sempre da un cagnolino (un meticcio di colore nero), lui (alto, massiccio e di carnagione chiara), lei magrissima e con i capelli scuri, piercing alla bocca e al naso, entrambi sulla trentina, con una cadenza che “sembra veneta ma potrebbe anche essere qualcosa di simile al rumeno”, finora hanno razziato due telefonini (di proprietà di altrettante commesse) e preso 250 euro da un registratore di cassa lasciato incautamente aperto e con la chiave inserita.

L’allarme tra i negozianti (sperando nel frattempo che qualcuno abbia sporto denuncia, così sarà possibile anche acquisire le immagini della videosorveglianza comunale) si sta pian piano di diffondendo attraverso il “passaparola”.

Un “tam tam” che ha già impedito di mettere a segno un altro raid, scongiurato dalla proprietaria di una rivendita di abbigliamento del “canalone”, che, pedinando la sospetta mariuola nel suo giro tra gli scaffali, mentre il presunto complice l’attendeva sull’uscio, l’ha indotta ad andare via.

Bisogna dunque tenere gli occhi bene aperti.

E, soprattutto, allertare le forze dell’ordine, sperando che possano acciuffare questi furfanti prima che possano fare altri danni.

Commenti