Homenews“Auto in sosta vietata...

“Auto in sosta vietata con rimozione: qui i vigili non vedono?”

spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Ricevo e pubblico

“Sono un commerciante di via Napoli, uno dei tanti che da mesi assiste, soprattutto durante il fine settimana e molto più spesso in estate, ai continui controlli effettuati dai vigili urbani sul lungomare.

Controlli che quasi sempre si concludono con multe e rimozioni, o per sosta vietata o per l’ingresso non autorizzato nella nuova zona a traffico limitato del corso Umberto.

Noi esercenti ci sentiamo penalizzati da questo pressing ossessivo da parte della polizia municipale, perché è chiaro che, con un parcheggio multipiano abbastanza distante dalle nostre attività, se i nostri clienti non possono sostare nelle vicinanze dei locali, corriamo il rischio che vadano altrove e di perderli definitivamente.

Il che, in un momento di crisi come questo, è una vera e propria maledizione.

Ma quello che ci dà più fastidio è la disparità di trattamento tra zone e zone della città.

Noi, sul lungomare, siamo praticamente guardati a vista dai vigili.

Però, basta allontanarsi di poche centinaia di metri e ognuno fa il comodo proprio perché loro, i vigili, non ci sono.

Un esempio per tutti? Ho scattato due fotografie con il mio cellulare  in via Milite Ignoto, nella zona tra via Oberdan e le Palazzine.

Sul lato destro della strada, c’è un visibilissimo cartello che indica il divieto di sosta con rimozione: di giorno è quasi sempre rispettato, ma dopo il tramonto è come se non esistesse.

Addirittura, tra le auto fuori posto, ne ho viste alcune che mostravano la scritta “lavoro in pizzeria”.

Ho chiesto alla gente del posto se per caso vigili e carri attrezzi vengano di tanto in tanto anche lì.

Mi è stato risposto che i vigili e i carri attrezzi non sanno nemmeno come sono fatti, ma servirebbero perché, in caso di emergenza, fino a tarda notte, si rischia di restare intrappolati per via delle macchine che parcheggiano dove non dovrebbero.

Mi domando, ma forse in questa zona vale un’altra legge rispetto al codice della strada in vigore a via Napoli?

Sono più fortunati di noi?

Ci sono attività commerciali che hanno più diritto di noi a lavorare senza correre il rischio che i propri dipendenti o clienti finiscano la giornata con una multa o con il sequestro dell’auto?

Magari al comando di polizia municipale possono fornirci qualche dato certo: quanti pattugliamenti e quante multe per divieto di sosta con rimozione hanno fatto nell’ultimo anno in quella strada?

Siccome temo di conoscere già la risposta, chiedo, e penso di parlare a nome anche di molti miei colleghi del lungomare, che i vigili urbani siano presenti non solo a via Napoli ma anche in altre parti di Pozzuoli e usino la stessa inflessibilità se si violano le regole.

Altrimenti, è chiaro che si sta facendo una discriminazione tra commercianti.

E, in questo caso, vorremmo capire con quale criterio si scelgono figli e figliastri”.

Lettera firmata

 

 

 

spot_img

Ultimi articoli pubblicati