HomenewsBarboni e cani in...

Barboni e cani in villa comunale: si aspetta la tragedia?

spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Vivono ormai da alcuni mesi nella villa comunale di piazza Italo Balbo ma la loro presenza  rischia di diventare un problema di ordine pubblico. Stiamo parlando di un gruppo di senzatetto e dei loro inseparabili cani, che ormai hanno praticamente “preso possesso” di una zona del centro storico molto frequentata a qualsiasi ora del giorno, soprattutto da mamme con bimbi piccoli al seguito.

Si moltiplicano, infatti, le segnalazioni dei cittadini non solo sulle condizioni igieniche (inevitabilmente precarie) in cui versano queste persone (provenienti dall’Europa dell’Est, come si presume dal loro accento) che non hanno fissa dimora, ma anche sulla potenziale pericolosità degli animali a cui si accompagnano.

“Non siamo razzisti e amiamo i cani –raccontano a “Pozzuoli21” alcuni residenti della zona- ma proprio per questo motivo chiediamo che qualcuno intervenga al più presto prima che possa accadere qualcosa di grave.  Mercoledì mattina si è rischiata addirittura una tragedia, in quanto i cani di questi signori (che sono quasi sempre ubriachi) hanno aggredito una donna  che passeggiava con il suo cane al guinzaglio. Per fortuna, sono intervenute delle persone ad aiutare la malcapitata, ma ci siamo davvero spaventati tutti! E ci è dispiaciuto da morire vedere uno di questi senzatetto prendere a calci in testa uno dei suoi cani per tentare di calmarlo. Una scena assurda, che purtroppo, si verifica sempre più spesso nella totale indifferenza delle istituzioni. Ci chiediamo perché nessuno prenda provvedimenti! Eppure il commissariato di polizia è a pochi metri, i vigili urbani sono continuamente in zona e spesso sul posto passano anche i carabinieri in servizio di pattugliamento. Quelle povere bestie sono praticamente libere di fare ciò che il proprio istinto le suggerisce. E non potrebbe essere diversamente, visto come si comportano i loro padroni, che fanno i loro bisogni nei giardinetti della villa o addirittura sulle portiere delle auto in sosta, non si lavano chissà da quanto tempo, cantano a squarciagola anche a notte fonda e bevono alcool a volontà. Non c’è proprio nessuno che si possa occupare di una situazione del genere? Tutta la comprensione possibile per chi vive di stenti e non ha nemmeno un tetto sulle spalle, ma, a parte il degrado, che pure non è un aspetto secondario di questa triste realtà,  vorremmo che qualcuno si rendesse conto del fatto che ogni giorno viene messa a repentaglio l’incolumità di tutti i cittadini che passano per la villetta comunale. Se dovesse accadere una disgrazia, di chi sarebbe la responsabilità?  Di quei signori che sono in stato di ubriachezza pressoché perenne e dunque quasi sempre incapaci di intendere e di volere, dei loro cani che hanno padroni del genere, oppure di chi avrebbe il dovere istituzionale di intervenire a salvaguardia della collettività?”.

Un interrogativo non da poco, a cui bisognerebbe dare risposte immediate per non piangere poi sul “latte versato”.

spot_img

Ultimi articoli pubblicati