domenica, Aprile 14, 2024
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Bradisismo e rischio evacuazione: “Bisogna fare chiarezza!”

“Pianificazione Speditiva”: è questo l’elemento del Decreto Legge Campi Flegrei sul quale il movimento Pozzuoli ORA chiederà spiegazioni, per il tramite del Sindaco, al Ministero e agli enti di Protezione Civile. Nell’atto denominato “Pianificazione Speditiva di emergenza per l’area del bradisismo”, infatti, sono previste le “strategie di allontanamento da adottare in caso di recrudescenza del fenomeno” bradisismico.

«È bene precisaredichiara il consigliere comunale Riccardo Volpeche non stiamo parlando di rischio di eruzione vulcanica, ma del fenomeno bradisismico. Quello che ci preoccupa è proprio questa discrezionalità nel documento. Secondo quanto leggiamocontinua Volpenon si capisce cosa si intende per recrudescenza del fenomeno. Si parla di una magnitudo in particolare? Inoltre il documento afferma che verranno sfollate circa trentamila persone in caso di “danni significativi degli elementi strutturali dei sistemi edilizi”. Come sono determinati e quali sarebbero questi danni strutturali? A nostro avvisoconclude Volpec’è troppa discrezionalità e la città ha già subito più di un’evacuazione forzata, per questo in Consiglio Comunale abbiamo deciso di investire il sindaco affinché si possano avere delle risposte per la comunità».

La questione sembra essere molto seria, in quanto viene messa per la prima volta su carta la possibilità di evacuare una parte della città per il fenomeno del bradisismo.

«La priorità dovrebbe essere la messa in sicurezza del nostro territoriodichiara il portavoce del movimento Pozzuoli ORA, Raffaele Postiglionee l’aumento della capacità di convivere con il fenomeno stesso. Invece a oltre tre mesi dall’approvazione del Decreto Campi Flegrei non c’è notizia delle iniziative di controllo e prevenzione previste. Non si ha alcuna informazione relativa all’analisi della staticità degli edifici e nulla è stato fatto per reperire fondi, come inizialmente paventato, per eventuali interventi sugli immobili. L’unica cosa concreta che abbiamocontinua Postiglioneè l’accordo tra Regione e Federalberghi per l’eventuale accoglienza di 30mila cittadini puteolani evacuati dinanzi ad una non ben definita recrudescenza del fenomeno. Vogliamo che sia fatta chiarezza e che la discrezionalità sia ridotta al minimo. Senza un reale rischio vulcanico, la Comunità non può accettare un nuovo esodo come quelli del ‘70 e del ‘83. Siamo flegrei, la nostra vita è qui».

spot_img

Latest Posts

spot_img
spot_img
spot_img

ALTRI ARTICOLI

ARTICOLI PIU' LETTI