Vi trasmettiamo dall’aula consiliare del Municipio di Toiano la diretta streaming dell’incontro tra il capo della Protezione Civile Nazionale Angelo Borrelli e i vertici istituzionali dei comuni della “zona rossa” per l’emergenza bradisismo.

Borrelli e i tecnici dell’Osservatorio Vesuviano risponderanno anche alle domande dei cittadini, che potranno essere poste attraverso la pagina Facebook del Comune di Pozzuoli.

A Borrelli speriamo che arrivino anche gli interrogativi posti dal vulcanologo Giuseppe Luongo e dell’avvocato Roberto Ionta.

Il professor Luongo chiede:

– L’attuale crisi è più o meno pericolosa delle crisi precedenti del 1970-72 e 1982-84?

– L’ attuale sollevamento dura da circa 10 anni e si sviluppa con una velocità circa 10 volte inferiore alle crisi precedenti; si è in presenza di un diverso meccanismo?

– A quale profondità è posta la sorgente che produce il sollevamento del suolo?

– Le deformazioni osservate sono prodotte dalla spinta e/o dalla migrazione del magma verso la superficie o dall’azione dei fluidi presenti nelle rocce o da entrambi?

– Se la sorgente delle deformazioni è da attribuire ai fluidi, da dove e come è trasferita energia ai fluidi?

– E’ ipotizzata la presenza del magma come sorgente di energia?

– In caso affermativo, a quale profondità è collocato?

– E’ possibile verificare la migrazione del magma verso la superfici?

– E’ possibile realizzare uno scenario quantitativo e non qualitativo dei segnali precursori per l’evacuazione?

L’avvocato Ionta, invece, chiede “se non sia il caso di  aumentare il livello di allerta da giallo ad arancione atteso che la situazione terremoti è ormai all’ordine del giorno ma soprattutto quali sono i criteri del livello di allerta arancione”.