Homenews“Cari colleghi commercianti del...
spot_imgspot_img
spot_img

“Cari colleghi commercianti del centro storico, per quale motivo la gente dovrebbe venire da noi?”

Ricevo e pubblico*

Gentile Direttore,  approfitto,  come sempre,  del Tuo blog  per esprimere una mia opinione in merito ad un volantino che mi è stato recapitato da un commerciante della zona con su scritto: Sindaco Figliolia, il “Rinascimento” siamo noi! Parcheggi, Viabilità, Mobilità sono queste le risposte che il commercio vuole da te! 

volantinoPoiché  il Rinascimento  è un  movimento culturale sorto in Italia alla fine del XIV secolo la cui  caratteristica  è l’uso innovativo della lingua e della letteratura classica latina, del libero rifiorire delle arti, degli studi, della politica e dei costumi, non capisco quale attinenza possa esserci con i parcheggi, la viabilità e la mobilità. Più che di Rinascimento, io parlerei di Resurrezione!

vetrinaI miei colleghi e le Associazioni di Categoria, hanno taciuto (e tacciono) sull’abbattimento delle vetrine, hanno taciuto (e tacciono) sull’indiscriminata tariffa applicata ai commercianti per  la sosta sulle strisce blu, hanno taciuto sui lunghi periodi di chiusura del Molo Caligoliano, tacciono sulla mancata segnaletica all’ingresso di Via Scialoia (l’unico varco di accesso per la Piazza) per il carico e scarico delle merci e, adesso, cosa fanno?


Si mobilitano tutti (anche i fedelissimi di questa Amministrazione), in modo agguerrito, per avanzare delle richieste che possono (secondo loro)  portare ad una ripresa economica delle  attività commerciali del borgo vicereale:
1)  Assegnazione dell’area ex Sofer ai commercianti ed ai residenti per la sosta delle auto e relativo collegamento in piazza con le navette;
2)  Il parcheggio sul Molo Caligoliano H24.
3)  Destinazione a parcheggio dell’area sottostante a Piazza a mare;
4)  Apertura del parcheggio del mercato ittico all’ingrosso alle ore 9;
5)  Revisione del piano sosta e delle relative tariffe
6)  Modifica del senso di marcia di Corso Vittorio Emanuele;
7)  Delocalizzazione del mercatino sottostante alla Via Roma;

Uno scorcio di piazza della Repubblica

Oggi la Piazza, seppur rifatta, pulita e abbastanza ordinata, è un luogo di grande tristezza (specialmente la mattina), anche se movimentato da Bar, Ristoranti e vari localini nelle ore serali e nei fine settimana. 
È un aspetto che viene  sottolineato, con rammarico, non solo dagli abitanti più anziani  della zona ma anche da chi vive in periferia.
Si possono creare anche altri cento parcheggi  (ben vengano) ma, vorrei sapere, per quale motivo  gli avventori o i cittadini di altri Comuni dovrebbero  venire  nel Centro storico di Pozzuoli?
Non ci  sono negozi di gastronomia tipica e di attività artigianali specializzati o di lunga tradizione; pochissime sono quelle botteghe nelle quali, di generazione in generazione, le famiglie si sono tramandate il mestiere e hanno mantenuto la continuità merceologica o di negozi nei quali sono stati conservati gli arredi e l’architettura storica.

Il Centro Storico è semplicemente un Centro di ristoro.

Un'immagine di Corso della Repubblica
Un’immagine di Corso della Repubblica

Ritengo (è una mia opinione) che l’unica possibilità di ripresa economica  per le attività commerciali della zona, sia  l’apertura di un grande mercato all’aperto (ordinato e regolamentato) sul Corso della Repubblica, come avviene in tutte le Piazze delle Città italiane.

Nel nostro Paese ci sono mercati storici che sono tappa fondamentale per ogni turista che vuole conoscere appieno l’essenza della nostra cultura. Mercati  famosi per la vendita delle primizie  del territorio ma  anche di altri articoli, frequentati giornalmente da centinaia di persone.

Il mercato romano di Campo de' Fiori
Il mercato romano di Campo de’ Fiori

Ad esempio, il mercato di Porta Palazzo a Torino, il mercato all’aperto più grande d’Europa, si svolge in Piazza della Repubblica e tratta  prodotti di qualsiasi genere: ortofrutticoli, alimentari, ittici, caseari ma anche carne, fiori, abbigliamento e vari articoli di uso domestico ed è tappa, di numerosi turisti.
Dal 1869, la piazza di Campo de’ Fiori a Roma, è sede di un vivace e pittoresco mercato. Questa piazza ha due anime ben distinte: una mattutina e l’altra notturna; di mattina essa è sede di uno storico mercato rionale di frutta e di verdura e, di notte, invece, la piazza è sede della movida notturna.

E43f5ceb4-759e-48e2-9027-9d4f44440d27cco, la Piazza della nostra amata Città è come una bella tavola apparecchiata con posate d’argento, bicchieri di cristallo ed ornamenti, ma mancano, su di essa, le cose più necessarie: il cibo, il pane e le bevande.

Distinti Saluti
*Peppe Arionte 
(commerciante del centro storico di Pozzuoli)

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli pubblicati