Un ricorso al Tar per chiedere l’annullamento del nuovo piano tariffario del trasporto pubblico approvato dalla Regione.

Lo ha annunciato stasera il sindaco Enzo Figliolia attraverso un comunicato stampa all’indomani degli odiosi rincari entrati in vigore l’altro ieri sui biglietti di autobus e treni in tutta la Campania, a fronte di un servizio scandalosamente inefficiente.

Il sindaco puteolano Enzo Figliolia
Il sindaco puteolano Enzo Figliolia

http://www.pozzuoli21.it/stangata-della-regione-sui-biglietti-dei-mezzi-pubblici-andare-a-napoli-costa-fino-al-50-in-piu-3/

Il Tic, il nuovo biglietto "rincarato" per viaggiare su treni e autobus dal 1°gennaio
Il Tic, il nuovo biglietto “rincarato” per viaggiare su treni e autobus dal 1°gennaio

“I nostri legali stanno lavorando alla stesura del ricorso al Tar – fa sapere il Capo dell’Amministrazione puteolana– Si tratta di un ricorso articolato in più punti con il quale chiederemo la sospensione delle nuove tariffe del ticket Tic, dal momento che si tratta di un sistema che secondo noi penalizza migliaia di utenti, con rincari enormi a fronte di continui disagi e disservizi. Spero che anche le associazioni degli utenti e gli altri Comuni, a cominciare da Bacoli, Monte di Procida e Quarto, appoggino dal punto di vista legale il nostro ricorso. La nostra non è una pretestuosa forma di protesta, fine a se stessa. Ci interessa tutelare gli interessi legittimi dei nostri cittadini, visto che oggi un cittadino flegreo si trova a pagare un biglietto aumentato di quasi il 50% a fronte di un servizio spesso scadente e che limita la libertà di movimento costituzionalmente tutelata”.