Ricevo e pubblico*

Gentile Direttore, avrei due richieste da sottoporre al Comune attraverso il Suo blog che so essere molto letto tra politici, dipendenti, funzionari e dirigenti del Municipio.

Si tratta di piccoli problemi che riguardano i pedoni e che già hanno procurato qualche incidente.

Il primo riguarda le rampe intitolate a Raffaello Causa, per intenderci gli scalini che collegano la chiesa sconsacrata del Purgatorio con Porta Napoli.

Una zona in cui passano spesso molte persone, sia per comodità sia per ammirare una bella esposizione di opere d’arte.

Ebbene, c’è un gradino, quello posto affianco all’ingresso del bar, che, per come è strutturato rispetto agli altri, è poco visibile, soprattutto dopo il tramonto.

Proprio inciampando su quel gradino, finora alcune persone (specie anziane) sono cadute rischiando di farsi molto male.

Io credo che il tutto si possa risolvere pitturando di giallo quel gradino in modo che ne sia visibile almeno il bordo e nessuno corra alcun rischio.

Il secondo problema riguarda invece un piccolo tratto del corso Umberto, sul lungomare, all’altezza dell’ufficio postale in direzione della prima traversa.

Qui, da circa una settimana, una ditta ha effettuato dei lavori di scavo per la posa di una centralina del gas.

Finiti i lavori, però, la parte di marciapiede in cui si è scavato, è stata lasciata senza pavimentazione: al posto delle mattonelle è rimasta solo la sabbiolina sottostante.

Mi riferiscono che almeno un paio di persone, anch’esse anziane, sono cadute proprio lì, in quella che ormai è diventata una grande buca.

Mi chiedo: ma chi fa determinati lavori non dovrebbe poi rimettere tutto a posto com’era prima?

E non c’è nessuno al Comune che vigila su queste cose?

Spero che chi di dovere legga queste due segnalazioni e prenda provvedimenti per salvaguardare l’incolumità dei cittadini.

Grazie.

*Lettera firmata