HomeDall'Italia e dal MondoCeccardi (Lega): Ue preveda...
spot_imgspot_img
spot_img

Ceccardi (Lega): Ue preveda lingua segni in riunioni ufficiali

“Sarebbe segno di civiltà”

Firenze, 6 dic. (askanews) – “Perché le riunioni ufficiali e pubbliche delle istituzioni europee non vengono tradotte simultaneamente nella lingua dei segni? Dovrebbe essere ormai assodato, date le politiche inclusive e partecipative da sempre sbandierate dall’Europa, che tutti abbiano diritto quantomeno a poter seguire i lavori. Invece, purtroppo, è ancora necessario dover riportare l’attenzione su valori di civiltà che sembrano ancora lontani dall’Istituzione europea”. Così l’europarlamentare della Lega Susanna Ceccardi, spiega l’interrogazione prioritaria con la quale chiede alla Commissione Europea l’istituzione della lingua dei segni in tutte le riunioni ufficiali.

Ceccardi ha deciso di proseguire “questa battaglia grazie al lavoro su queste tematiche portato avanti da Michela Monaco”, stagista presso il suo ufficio, costretta su una sedia a rotelle.

 “Pur essendo difficile predisporre una lingua dei segni europea, mi chiedo perché non si provveda oggi a sottotitolare automaticamente le commissioni live in streaming, anche mediante l’ausilio di apparecchiature d’avanguardia che traducono le parole orali in vocaboli scritti – ha aggiunto Ceccardi – garantendo così, con azioni concrete e non solo a parole, il diritto di ogni cittadino europeo a reali uguaglianza e inclusività. Il 3 Dicembre è stata la giornata internazionale delle persone con disabilità e nonostante gli annunci e le dichiarazioni di intenti, su questo fronte si può e si deve fare ancora moltissimo. Recentemente ho assunto come stagista una ragazza con disabilità ed è impressionante rendersi conto di quante difficoltà le persone con disabilità debbano affrontare ogni giorno. Per comprenderle a pieno bisognerebbe ascoltare di più chi vive queste situazioni sulla propria pelle ogni giorno. Per questo abbiamo chiesto un incontro alla presidente del Parlamento Europeo Roberta Metsola, per renderla edotta di quanti ostacoli debbano affrontare i lavoratori disabili persino all’interno delle istituzioni europee”.  

continua a leggere sul sito di riferimento

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli pubblicati