“In accordo con l’assessore al Bilancio Paolo Ismeno e con i consiglieri comunali di maggioranza, abbiamo deciso di rinviare le scadenze del pagamento della tassa sui rifiuti per tutti e di detassare il tributo per le attività produttive costrette alla chiusura. La straordinarietà del momento, che ci vede alle prese con l’emergenza sanitaria da coronavirus, sta impegnando l’Amministrazione Comunale in provvedimenti tesi, ancora una volta, ad assistere i nostri concittadini e le attività produttive e professionali presenti sul territorio”.
Lo annuncia il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, che anticipa le misure che saranno adottate nei prossimi giorni e che riguardano in primo luogo il differimento delle scadenze del pagamento della tassa sui rifiuti (Tari).
Secondo quanto deciso, per l’anno d’imposta 2020, le scadenze degli inviti al pagamento fissate al 31 maggio, 31 luglio, 30 settembre e 30 novembre saranno rinviate, rispettivamente, al 31 luglio, 30 settembre, 31 ottobre e 30 novembre 2020; per l’anno d’imposta 2019, invece, le scadenze dei solleciti di pagamento fissate a 30 e 60 giorni dalla notifica dell’atto saranno differite, rispettivamente, a 90 e 120 giorni dalla notifica dell’atto.
Inoltre, le attività produttive oggetto di chiusura per effetto dell’applicazione dei decreti del Presidente della Repubblica, delle ordinanze del Presidente della Regione Campania e delle ordinanze Sindacali, avranno diritto alla detassazione della Tari per tutto il periodo oggetto dei provvedimenti amministrativi, con modalità di definirsi in apposito provvedimento comunale.
Naturalmente in ipotesi di interventi legislativi l’Amministrazione Comunale di Pozzuoli si adeguerà a quanto sarà disposto.

(fonte: comunicato stampa dal portavoce del Sindaco di Pozzuoli)