HomeRubricheCud 2014: tutte le...

Cud 2014: tutte le novità

spot_imgspot_img

a cura di Carlo Pareto (responsabile relazioni esterne Inps Pozzuoli)

Sbirciando tra i diversi campi della certificazione, che i sostituti d’imposta dovranno rilasciare entro il prossimo 28 febbraio per attestare i redditi di lavoro dipendente, assimilati e di pensione corrisposti nel 2013, le ritenute d’acconto operate, le detrazioni effettuate, i dati previdenziali e assistenziali relativi alla contribuzione versata e/o dovuta all’Inps e all’ex Inpdap nonché l’importo dei contributi previdenziali a carico del lavoratore, si può appunto notare come trovino spazio informazioni ormai consuete accanto ad alcuni dati “new entry”.

Tra questi ultimi si possono segnalare: nella scheda riservata alla scelta dell’8 per mille dell’Irpef, l’inserimento di due nuove istituzioni religiose; altra novità concerne la modalità di consegna della certificazione da parte degli enti previdenziali, che lo scorso anno aveva creato non pochi problemi.

Con riferimento al Cud 2014, questa avverrà solo in via telematica, salvo facoltà del cittadino di richiedere la trasmissione del modello in forma cartacea.

Nella parte A, al punto 11 “eventi eccezionali”, figura il codice 2 per i contribuenti della Sardegna nei cui confronti opera la sospensione del versamento dei tributi tra il 18 novembre e il 20 dicembre 2013, per effetto degli eventi alluvionali.

Nella parte B (dati fiscali) nel caso in cui –sui compensi per lavori socialmente utili– non trovi applicazione il particolare regime agevolato, ne va data indicazione nelle annotazioni utilizzando il codice Ag.

Per quanto riguarda le detrazioni fiscali per carichi di famiglia, si precisa che, laddove il rapporto di lavoro abbia avuto una durata inferiore all’anno solare, il sostituto calcola la riduzione in relazione al periodo di lavoro (e ne da evidenza nella Annotazioni con il codice Ac), a meno che il dipendente –qualora ricorrano i presupposti– abbia chiesto di poterne usufruire per tutto il periodo di imposta.

Sempre nella parte B, il sostituto che ha rideterminato l’importo del secondo o unico acconto Irpef come stabilito dal Dl 76/2013, nelle Annotazioni (cod. BA), deve indicare l’ammontare della rata ricalcolata.

Tra i dati “tradizionali”, in merito alla “detassazione”, ovvero l’agevolazione sulle somme erogate ai lavoratori per l’incremento della produttività (imposta sostitutiva del 10%), la normativa per l’anno in corso prevede che la riduzione fiscale sia applicata ai dipendenti del settore privato che nel periodo d’imposta 2012 avessero conseguito redditi di lavoro dipendente non superiori a 40mila euro, al lordo delle somme detassate nello stesso anno, per un massimale di 2.500 euro  lordi: il sostituto compila, nella parte B, i punti da 251 a 256.

spot_img
spot_img

Ultimi articoli pubblicati