Un esposto corredato da molte foto e inviato ai vigili urbani, al sindaco Figliolia e in Procura.

Lo ha firmato ieri un cittadino puteolano (di cui conosciamo l’identità ma che per ora non vuole pubblicamente esporsi) dopo aver immortalato, con grande pazienza, da sei mesi, ciò che accade in maniera sistematica nel tratto di via Vecchia San Gennaro che confina con via Suolo San Gennaro.

Il reato ipotizzato è l’abbandono e il deposito incontrollato di rifiuti e i presunti colpevoli sarebbero, a detta del denunciante, cittadini che vivono in “fabbricati abusivi” del circondario e che dunque non solo non pagano la tassa sulla spazzatura ma non godono nemmeno del servizio comunale di raccolta differenziata.

LA DISCARICA DI GIORNO…

Immondizia che, sempre leggendo il contenuto della denuncia, viene posizionata lì a tutte le ore, preferibilmente  quelle dei pasti e notturne, senza alcun rispetto del calendario di prelievo, e che, a volte, resta sul posto anche per settimane prima che la De Vizia la porti via.

“Ci sono rifiuti domestici, umido, scarti edilizi, rifiuti speciali non differenziabili, scarti vegetali, batterie di fuochi artificiali, persino rifiuti pericolosi come una cappa in amianto – è scritto nell’esposto – Un angolo urbano pubblico si è trasformato in una discarica giornaliera. Ci si augura un intervento sanzionatorio e repressivo anche attraverso l’utilizzo di strumenti di registrazione visiva, telecamere, appostamenti o quant’altro già impiegato in altri eventi simili nel Comune di Pozzuoli”.

…LA DISCARICA DI NOTTE

Certo, appare quanto meno strano che, da dicembre ad oggi, il Capo dell’Amministrazione non abbia visto nulla o non sia riuscito a far niente per cancellare questo scempio, visto che di lì, Figliolia, certamente ci passa tutti i giorni con l’auto, privata o di servizio.