Un preoccupante allarme è stato lanciato dall’organizzazione di tutela ambientale “Earth in Emergency” in seguito all’incendio di tre notti fa nella centrale Enel di via Fascione.

Attraverso la sua pagina Facebook, infatti, il  sodalizio puteolano informa la popolazione che, a causa di questo rogo “si sta protraendo l’immissione in atmosfera di una notevole quantità di diossina, determinando un disastro ambientale ai sensi dell’articolo 452 quater del codice penale”.

In attesa di capire le cause dell’accaduto, Earth in Emergency esorta i cittadini a lavare accuratamente frutta, verdura, ortaggi e quant’altro possa arrivare sulle nostre tavole dal mercato ortofrutticolo all’ingrosso situato in viale dell’Europa Unita, ossia a poche decine di metri dal luogo in cui sono divampate le fiamme.

C’è infatti il rischio che la diossina si sia depositata anche sulla superficie esterna di questi prodotti alimentari”.