HomenewsDiscarica a cielo aperto...

Discarica a cielo aperto nel centro storico: non c’è limite al peggio!

spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Spero vivamente che, dal momento in cui ho scattato queste foto (alle 13.30 di oggi) qualcuno sia finalmente intervenuto a rimuovere una vergogna del genere e, magari, anche a multare e denunciare i responsabili.

Il teatro dello scempio è via Santilli (tra i  numeri civici 21 e 23), uno dei vicoli del centro storico che collegano la zona del porto con piazza della Repubblica.

Qui, infatti, “da almeno una settimana” (come sottolineano alcuni residenti del luogo), si è formata gradualmente una vera e propria discarica a cielo aperto.

L’immondezzaio in questione contiene davvero di tutto.

C’è l’imbarazzo della “scelta”: 8 cassonetti adibiti alla raccolta differenziata (3 per l’organico, 4 per il multimateriale e uno per la carta)  collocati in un solo posto come se si trattasse di un’isola ecologica stradale, 14 bustoni neri pieni di spazzatura di ogni genere, 2 bidoncini ricolmi di rifiuti misti, una lattina di olio di semi da 25 litri annerita alla base (e dunque, presumibilmente, adoperata come braciere  artigianale), più un passeggino di cui qualcuno ha pensato “bene” di disfarsi proprio lì.

Il tutto, praticamente all’esterno di un noto locale della “movida” e in corrispondenza del balcone di un malcapitato condomino, che (poveraccio!) è costretto ad “ammirare” uno “spettacolo” che a chiunque farebbe venir voglia di traslocare immediatamente.

Come si sia arrivati ad ammassare tanto schifo in pochissimi metri quadrati, è impossibile saperlo.

Così come risulta inspiegabile la mancata rimozione di un quantitativo così consistente di immondizia per giorni e giorni.

E’ chiaro che per chi si comporta così (peraltro in una zona servita dal “porta a porta”) servirebbe una punizione esemplare, magari anche più dura delle sanzioni previste nella specifica ordinanza sindacale in materia, la numero 160 del 7 ottobre scorso (che potete scaricare dall’Albo Pretorio del Comune cliccando su http://servizi.comune.pozzuoli.na.it/albopretorio/DettaglioElemento.aspx?id=15009).

A maggior ragione se pensiamo che proprio mentre pare si stesse formando questa discarica, a poca distanza, in piazza della Repubblica, gli ispettori volontari ambientali del Comune erano impegnati in una campagna di sensibilizzazione per la corretta differenziazione dei rifiuti.

Ma credo che qualche spiegazione al Comune debba darla anche la ditta che si occupa della rimozione della spazzatura.

Come sia stato possibile, infatti,  per gli “addetti ai lavori”, non vedere finora uno sconcio simile (oppure vederlo e non eliminarlo in qualche modo) è un mistero ancora tutto da chiarire…

Il mio auspicio è che il sindaco Figliolia affronti questa ed altre situazioni simili con la massima “incazzatura” che conosce.

Perchè è inammissibile aver speso 120mila euro di soldi pubblici per vestire a festa e rendere più accogliente Pozzuoli ad eventuali turisti e visitatori…e poi dover subire l’esibizione di questi “biglietti da visita” che umiliano una città intera e tutti gli sforzi per farla apparire migliore di ciò che, purtroppo, realmente è grazie al negativo “contributo” di troppi incivili.

 

spot_img

Ultimi articoli pubblicati