Il compianto Antimo Barletta, in una foto scattata nel 2009 da Luigi Ciccarelli

Pozzuoli e l’area flegrea perdono un punto di riferimento di tutte le battaglie  compiute su questo territorio  dal periodo del primo bradisismo a quello della progressiva deindustrializzazione.

Battaglie legate al nome di Antimo Barletta, morto ieri a 81 anni nella sua casa di Quarto, dopo una lunga malattia.

Antimo (pnniéll’ per gli amici, in virtù del suo fisico longilineo ed i capelli alla “Umberto”) è stato infatti segretario generale della Cisl Flegrea nei frangenti più difficili del nostro comprensorio.

Antimo Barletta in una foto degli anni’80 (per gentile concessione di Ciro Di Francia)

Lo ricordiamo in prima linea su ogni vertenza che riguardasse sviluppo ed occupazione nei Campi Ardenti, sempre attento ad una visione di insieme della “città flegrea”, il suo “pallino”, che coltivava con passione fin da quando, operaio dell’Olivetti, iniziò la sua carriera sindacale, terminata come responsabile della federazione pensionati.

Pungolo costante di ogni Amministrazione Comunali,  Antimo ha sempre incalzato la politica locale affinché venissero sfruttate tutte le ricchezze che la storia e la natura hanno donato alla nostra terra, per garantire un futuro ai giovani, e garantirlo qui.

Ciro Di Francia, storico amico e collega di Barletta

“Quando muore una persona generalmente se ne ricordano solo i lati positivi – è il ricordo di Ciro Di Francia, che con Barletta in Cisl, come segretario organizzativo, ha condiviso fianco a fianco tutte queste battaglie – Ma per il mio amico Antimo non bisogna fare sforzi di memoria. Lui era di una bontà, di una simpatia, di una umanità e di una onestà direttamente proporzionali alla sua mole fisica. Non aveva nemici, perché era impossibile non essergli amico e non volergli bene…”.

I funerali di Antimo Barletta saranno celebrati domani, mercoledì 29 marzo, alle 10.30, presso la chiesa dell’Annunziata, in via Artiaco a Pozzuoli.