Le sue condizioni sono apparse subito molto serie ai pompieri che lo hanno estratto dalle lamiere contorte della “Punto” che guidava.

E in queste ore infatti i medici dell’ospedale stanno cercando di salvargli la vita, messa a repentaglio dalle gravi ferite riportate nell’incidente frontale di stamattina in via Solfatara.

Dove lui, un giovane extracomunitario (sprovvisto di documenti), durante un sorpasso azzardato ad alta velocità, ha travolto la Hyundai che procedeva nella direzione opposta e che era occupata da una famiglia di quattro persone (padre, madre e due figli minori) intenta proprio oggi a partire per le vacanze ed i cui componenti, per fortuna, non hanno riportato gravi lesioni nello scontro.

Ai soccorritori, il conducente della “Punto” ha avuto soltanto la forza di dire “ho 15 anni….”.

L’auto su cui era al volante risulta di proprietà di una donna di Castelvolturno, che ora i vigili urbani stanno cercando di rintracciare non solo per capire come sia potuta finire nelle mani di un (sedicente) minorenne, ma anche per cercare di ricostruire l’identità del giovane, tuttora ignota.

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 18.40

Nel pomeriggio, all’ospedale di Pozzuoli sono giunti alcuni amici del giovane conducente della “Punto” che hanno consegnato i documenti di identità del ragazzo. Da questi documenti risulterebbe che la sua età è di 21 anni e non 15, come il diretto interessato aveva dichiarato ai soccorritori prima di perdere conoscenza.