HomeDall'Italia e dal MondoEuro, Ft: cresce l'ottimismo...
spot_imgspot_img
spot_img

Euro, Ft: cresce l’ottimismo degli operatori: potenziale rialzista

Anche su base possibili maggiori aumenti tassi rispetto a dollaro

Roma, 11 gen. (askanews) – Mentre i mercati si avviano verso un anno di incertezza in un contesto di mutevoli dati economici e di politica monetaria, gli analisti stanno diventando positivi sulle prospettive per l’euro. Lo segnala il Financial Times.

Dopo essere scesa al di sotto della parità con il dollaro USA nella seconda metà del 2022, la valuta comune si è ripresa negli ultimi mesi per essere scambiata all’interno di un intervallo ristretto a poco sopra 1,07 dollari mercoledì mattina.

Al centro della debolezza dell’euro lo scorso anno era stato l’aggressivo inasprimento della politica monetaria da parte della Federal Reserve statunitense, mentre la Banca centrale europea ha esordito molto più tardo con l’aumento dei tassi di interesse per contenere l’inflazione galoppante.

Alla base dell’ottimismo rialzista sullò’euro c’è il fatto , spiega il Ft, che le tendenze dei dati in arrivo suggeriscono la necessità di mantenere un atteggiamento aggressivo a Francoforte e un potenziale raffreddamento dei rialzi dei tassi a Washington come hanno sottolineato diversi analisti questa settimana. Questa chiusura del divario dei tassi di interesse sarebbe positiva per l’euro. Anche la minaccia economica rappresentata dai prezzi dell’energia altissimi nella zona euro è svanita in mezzo a un inverno insolitamente mite in gran parte del nord Europa.

“L’euro viene scambiato all’interno del suo range di fine dicembre, ma i dati in arrivo dall’inizio del 2023 ci suggeriscono che dovrebbe essere più forte”, ha dichiarato lunedì in una nota Steve Englander, responsabile della ricerca globale G-10 FX presso Standard Chartered. “Sia l’inflazione core dell’area dell’euro che le sorprese economiche – aggiunge – hanno continuato a rafforzarsi, rendendo più facile per la Banca centrale europea mantenere un tono aggressivo. Le preoccupazioni energetiche che si profilavano come negative per l’EUR a metà del 2022 stanno iniziando a diminuire”.

L’inflazione complessiva annua della zona euro è scesa al 9,2% a dicembre dal 10,1% di novembre, secondo i dati preliminari di Eurostat rivelati la scorsa settimana. Ma l’inflazione di base, che esclude i prezzi volatili di energia, cibo, alcol e tabacco, è aumentata più del previsto raggiungendo un nuovo massimo storico del 5,2%.

Sia la BCE che la Fed hanno continuato a mantenere un tono da falchi nelle ultime settimane mentre si concentrano sul loro obiettivo di inflazione. Robert Holzmann, governatore della Banca d’Austria e membro del consiglio dei governatorio Bce ha dichiarato mercoledì in una conferenza stampa che “i tassi di interesse dovranno aumentare ulteriormente in modo significativo per raggiungere livelli sufficientemente restrittivi da garantire un tempestivo ritorno dell’inflazione all’obiettivo del 2% a medio termine”.

Tuttavia, Englander ha sottolineato che le sorprese dei dati negli Stati Uniti sono state “da medie a più deboli” rispetto all’Europa, indicando una minore pressione al rialzo sui tassi. E ha sottolineato che la tendenza degli utili orari medi (AHE) nell’ultimo aggiornamento è stata “molto più favorevole” di quelli su cui il Federal Open Market Committee (FOMC) stava lavorando a metà dicembre, quando la crescita degli utili annualizzati su 6 mesi fino a novembre era di 5,3 % e crescente.

“L’aumento salariale annualizzato di 6 milioni di dicembre è sceso al 4,4% nell’ultimo aggiornamento. L’ISM non manifatturiero di dicembre è stato il più basso dal 2010, a parte quando il COVID ha colpito con tutta la sua forza nel 2020”, ha osservato Englander. Il presidente della Fed Jerome Powell ha ripetutamente sottolineato l’importanza dei salari nel ridurre l’inflazione dei servizi di base, indicando la crescita dei salari come un fattore di rischio nella missione della Fed di ridurla.

continua a leggere sul sito di riferimento

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli pubblicati