HomenewsFigliolia, il sindaco che...

Figliolia, il sindaco che inaugura i tunnel e ci lascia le buche per terra: complimenti!

spot_imgspot_img

“Dottò, visto che la state fotografando, volevo dirvi che tra poco fanno due anni che questa buca si è aperta, noi abbiamo avvisato il Comune in tutti i modi ma il massimo che rispondono è che dobbiamo guardare per terra quando camminiamo, altrimenti ci stroppiamo malamente. Mò lo sapete che faccio? Quando sarà il secondo anniversario del fosso, sopra ci metto una torta con due candeline…così chi lo deve riparare se ne deve accorgere per forza e magari l’aggiusta pure”.

Via Napoli, corso Umberto civico 115 all’altezza dell’incrocio con via Domenico Fatale.

Un anziano del posto ci racconta a modo suo la storia di questo dissesto sul marciapiede.

Da quasi 24 mesi tutti lo vedono e nessuno interviene. Possibile? Possibile.

Noi di Pozzuoli21 lo avevamo segnalato l’11 agosto al sindaco Figliolia in occasione della riparazione delle fontanine sul lungomare.

Tuttavia, a distanza di 50 giorni, la situazione non solo non è cambiata ma è addirittura peggiorata, visto che lo sprofondamento si è aggravato (qualcuno teme a causa di un’infiltrazione d’acqua che sembrerebbe provenire da un vicino tombino).

L’unica novità sono i due new jersey in plastica che segnalano il pericolo.

La solita, inutile, presa in giro, dalla serie: “u’ fuoss’ l’amm’ vist’, quanne tenimme ggenje ‘o ‘ccunciàmm’…”.

Il tunnel di collegamento tra Tangenziale e Porto
Il tunnel di collegamento tra Tangenziale e Porto

Non possiamo che ri-appellarci al sindaco Figliolia e ricordargli che, invece di fare passerelle inaugurando mille volte tunnel forse più utili al lucro di qualche imprenditore privato che alla collettività, sarebbe più opportuno che si occupasse dell’ordinario, come lo è una buca aperta da due anni nel territorio da lui governato.

Saranno sicuramente operazioni di minor impatto mediatico e non “vendibili” sul piano della comunicazione e della visibilità, ma riguardano la sicurezza pubblica, le casse comunali in caso di danni da risarcire e, soprattutto, l’incolumità dei suoi concittadini.

Che poi sono gli stessi concittadini ai quali Figliolia dovrà andare a chiedere il voto tra  meno di due anni…

spot_img
spot_img

Ultimi articoli pubblicati