HomenewsFigliolia: “Vi spiego perché...
spot_imgspot_img
spot_img

Figliolia: “Vi spiego perché la tassa sui rifiuti non è aumentata”

Ricevo e pubblico*

“In molti hanno la sensazione che la tassa sui rifiuti sia aumentata nel tempo.

Così non è. Vi spiego il perché.

Innanzitutto perché mettere in campo un piano di raccolta differenziata comporta dei costi che a breve termine portano inevitabilmente all’aumento delle imposte per la riorganizzazione della modalità di gestione del servizio.

Tutto ciò a Pozzuoli non è accaduto, come dimostrano i dati relativi al rapporto delle annualità 2013 e 2014.

Siamo riusciti a rendere un servizio di qualità mantenendo inalterate le fasce di contribuzione, in alcuni casi diminuiti con l’introduzione del nuovo sistema di calcolo introdotto dalla Tari.

Inoltre il costo complessivo della gestione è diminuito del 2,18% nell’ultimo anno.

La tassa dei rifiuti dal 2015 diminuirà per la prima volta, seppure simbolicamente, per incoraggiare a fare ancora di più e meglio, in modo da arrivare nei prossimi anni ad ammortizzare la spesa”.

 

Il sindaco Enzo Figliolia
Il sindaco Enzo Figliolia

È quanto ha dichiarato il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, in merito alla Tari e al piano di raccolta differenziata che ha raggiunto il 72,34% in questo ultimo anno: una soglia che ha motivato Legambiente a premiare la città come migliore Comune Riciclone della Campania, con una popolazione superiore ai 50 mila abitanti.

I cambiamenti apportati al servizio di gestione dei rifiuti e all’igiene urbana, come l’estensione della raccolta porta a porta in tutto il territorio comunale, hanno prodotto un decisivo aumento della raccolta differenziata, con un calo del costo dei rifiuti indifferenziati (i più cari da smaltire): ciò significa che, senza la raccolta differenziata, la tassa sarebbe aumentata notevolmente.

Il carico fiscale di Pozzuoli è in linea con quelli di altri Comuni paragonabili per dimensione, territorio e localizzazione, ma con un livello di raccolta differenziata inferiore.

Resta alta la percentuale di evasione ed elusione: circa un terzo dei contribuenti non versano quanto dovuto.

Un dato che influenza la tassa dei rifiuti che, secondo la normativa vigente, deve coprire integralmente le spese del servizio, a carico dell’intera collettività.

Il Comune di Pozzuoli ha comunque destinato nell’ultimo bilancio oltre 275.000 euro per il sostegno alle famiglie meno abbienti con agevolazioni della tassa dovuta.

Per la Tari 2015 ci sarà un taglio, seppur simbolico, per incoraggiare a migliorare la qualità della differenziata che, insieme alla lotta all’evasione e all’elusione, sono le uniche strade per arrivare nel tempo ad un taglio della spesa per i contribuenti.

*Ufficio Stampa Comune di Pozzuoli

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli pubblicati