Dove sono i nostri attivissimi Servizi Sociali? Dov’è la costosissima Protezione Civile comunale? Dov’è la Croce Rossa col suo tanto pubblicizzato camper per i diseredati? Dov’è la Caritas che apre le porte a tutti i poveri? Dove sono le anime belle della politica e del volontariato che professano solidarietà per gli ultimi?

Sono le domande che vengono spontanee guardando la foto (pubblicata stanotte sulla sua pagina Facebook dal consigliere comunale Raffaele Postiglione) che ritrae alcuni degli occupanti il convitto delle ex Monachelle dormire per strada, dopo l’ordine di sfratto eseguito ieri per ordine del sindaco Figliolia.

A lanciare l’appello alle istituzioni è stato lo stesso Postiglione.

Anche ieri, subito dopo lo sgombero, da Napoli (il Comune proprietario dell’immobile liberato da persone e cose) era partito,sempre da Facebook, un sos da Diego Civitillo, presidente della Decima Municipalità partenopea (Bagnoli-Fuorigotta) con una lettera inviata al Prefetto, al sindaco metropolitano De Magistris e al suo collega puteolano Figliolia.