venerdì, Aprile 19, 2024
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

“Hilde in Italia”, l’arte e le donne di Scanno nelle foto Lotz-Bauer

A Roma la prima grande retrospettiva della fotografa tedesca

Roma, 16 gen. (askanews) – Con “Hilde in Italia – Arte e vita nelle fotografie di Hilde Lotz-Bauer” il Museo di Roma-in Trastevere dedica la prima grande retrospettiva di Hilde Lotz-Bauer (1907-1999), che con la sua Leica al collo è stata una pioniera della street photography. Hilde ha fotografato l’Italia degli anni Trenta, con uno “sguardo personale – ha scritto di lei Gianni Berengo Gardin – che ritrae il quotidiano con occhio attento e sensibile”.Sono circa un centinaio le fotografie realizzate tra il 1934 e il 1943 che resteranno esposte fino al 5 maggio 2024. Provengono da ben 4 archivi (archivio Hilde Lotz-Bauer a Londra, due Istituti Max Planck per la Storia dell’arte – la Biblioteca Hertziana e il Kunsthistorisches Institut di Firenze – e la collezione del fotografo Franz Schlechter ad Heidelberg).Federica Kappler, storica dell’arte e co-curatrice della mostra: “Hilde ha donato settemila negativi a questo fotografo tedesco (Franz Schlechter, ndr) alla fine degli anni Ottanta – inizi anni Novanta, e su settemila negativi abbiamo altrettante stampe che sono suddivise e conservate negli altri tre archivi”, ha spiegato ad askanews.Arrivata nella Città Eterna, Hilde è inizialmente molto apprezzata per le sue immagini impeccabili di scultura, disegno, architettura e urbanistica commissionate dagli storici dell’arte, tra cui lo stesso primo marito (Bernard Degenhart, studioso di disegno italiano). Allo stesso tempo l’amore per l’Italia la spinge a girare il Paese fotografando un’umanità che abitava in questi territori nel ventennio fascista. Celebri i suoi scatti a Scanno, con le donne ritratte nei loro costumi. “Tutti i suoi scatti, al di là di quelli commissionati, nel racconto dell’Italia sono totalmente spontanei. È il desiderio di questa donna di conoscere una terra, che fino alla fine, fino a quando si spegne, lei è sepolta qui a Roma (al Cimitero Acattolico, ndr), ha sempre considerato la sua prima casa”, ha aggiunto Federica Kappler.Corinna Lotz, figlia dell’artista e co-curatrice della mostra: “Ha sempre dovuto pensare prima di cliccare”, racconta ad askanews parlando italiano. “Questa mostra è un grande risultato perché abbiamo lavorato a lungo su questo progetto, è iniziato dopo la mostra a Scanno nel 2008, poi il sito web – prosegue in inglese – e poi abbiamo incontrato Federica, lei ha capito il messaggio, per me è meraviglioso avere completato questo progetto”. L’esposizione è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Cultura, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Organizzazione Archivio Hilde Lotz-Bauer. A cura di Federica Kappler e Corinna Lotz, figlia di Hilde Lotz-Bauer. Servizi museali di Zètema Progetto Cultura. In collaborazione con OFFICINE FOTOGRAFICHE ROMA e Goethe-Institut. Media Partner Panzoo, Viviroma.it, Terza Pagina Magazine. Con il sostegno dell’Ambasciata delle Repubblica Federale di Germania, di Firecom automotive srl, Fredriksson arkitektkontor AB, di Marie-Thérèse Ficnar-Usteri e di Frances Aviva Blane.

spot_img

Latest Posts

spot_img
spot_img
spot_img

ALTRI ARTICOLI

ARTICOLI PIU' LETTI