Era successo a gennaio 2014, poi a febbraio 2015 e, purtroppo, non c’è due senza tre, si è ripetuto anche stanotte alle 4.54.

Vittima del terzo raid in tre anni da parte della “banda del buco” è sempre la tabaccheria al civico 4 del corso della Repubblica.

Un locale che il titolare Gianni Centrella ha ristrutturato da appena sei mesi riaprendolo al pubblico col nome di “Ta…Bacco” per la possibilità di abbinare alle “smoke” anche del buon vino.

Un locale che ora Gianni dovrà nuovamente rimettere in sesto a causa degli ingentissimi danni provocati da questi delinquenti.

I quali, dopo aver tentato di scassinare i lucchetti della porta blindata di ingresso, hanno deciso di sfondarla con un’auto lanciata a mò di ariete in retromarcia.

In pochi secondi hanno preso la cassa, il pc, tutte le sigarette in esposizione, un televisore e un impianto stereo.

L’allarme ha fatto accorrere sul posto la vigilanza privata ed i carabinieri, ma ormai della gang non c’era più traccia fisica.

Ci sarebbero però le immagini di una telecamera (non è dato sapere se si tratta di un impianto  privato o della videosorveglianza comunale) che avrebbero ripreso il tutto e che sarebbero già al vaglio dei militari dell’Arma.

“Sono molto sfiduciato –ci dice Gianni, il proprietario del locale – Spero soltanto che in questa città ci sia un cambiamento vero e che il controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine possa avvenire  24 ore su 24, perché francamente così è impossibile lavorare”.