Ricevo e pubblico*

Caro Direttore, quella di oggi sarà la prima notte senza il coprifuoco.

Per molti sarà un ritorno alla libertà ma per tanti altri non cambierà nulla in quanto, soprattutto qui sul lungomare, quasi nessuno, specialmente tra i giovani, ha mai rispettato gli orari di rientro a casa: si è continuato a bivaccare fin quando si voleva, spesso senza mascherine, altrettanto spesso scorrazzando con i motorini sulla passeggiata pedonale, dove è vietato.

Mi appello ai vigili urbani e lo faccio adesso che ne sono addirittura 59 in più di prima dopo le nuove assunzioni: visto che nella stragrande maggioranza dei casi per non rischiare aggressioni in strada non sono stati in grado di far rientrare la gente a casa negli orari stabiliti dal Governo, saranno adesso almeno in grado di controllare che i centauri non siano più liberi di circolare o parcheggiare impunemente sulla loppa?

Con tanti vigili in più, perché non si istituiscono servizi specifici per sanzionare queste infrazioni, magari anche attraverso la rimodulazione degli orari di servizio?

Aspettiamo forse qualche brutto incidente prima di intervenire? Grazie per l’attenzione.

*Lettera firmata