Nemmeno il tempo di giurare fedeltà allo Stato nel loro nuovo incarico che già si trovano sequestrati tra le pareti domestiche a causa del Covid.

E’ la beffa che ha colpito due tra i 62 nuovi vigili urbani appena assunti dal Comune.

I due poliziotti municipali (uno non ancora vaccinato e un altro in attesa della seconda dose) hanno infatti saputo di aver contratto il coronavirus pochi giorni dopo la parata militare tenutasi mercoledì della settimana scorsa allo stadio “Conte” per sancire la loro investitura ufficiale come caschi bianchi.

Entrambi sintomatici, sono per fortuna in buone condizioni di salute.

Non è appena si è appreso della loro “positività”, il comandante Silvia Mignone ha disposto l’effettuazione di tamponi prima per i soli “contatti stretti” dei due contagiati e, successivamente, in via precauzionale, per l’intero l’organico del Corpo.

Nei prossimi giorni si conosceranno gli esiti dei test molecolari.