HomenewsIl turismo culturale incontra...
spot_imgspot_img
spot_img

Il turismo culturale incontra le scuole medie e superiori dell’area flegrea

Due progetti rivolti agli alunni  delle terze medie e delle quinte superiori della zona flegrea, per avvicinare i giovani al turismo culturale e, soprattutto, alla conoscenza dei luoghi e dei siti che tutto il mondo ci invidia.

A presentarli giovedì mattina (presso il ristorante “La Cucina di Ruggiero”) è stato Pasquale Cirillo, amministratore della società di servizi “Mediterraneo Service”, durante una conferenza stampa a cui era presente anche l’assessore comunale alla cultura Franco Fumo.

Il consulente turistico Pasquale Cirillo e l'assessore Franco Fumo durante la conferenza stampa di ieri
Il consulente turistico Pasquale Cirillo e l’assessore Franco Fumo durante la conferenza stampa di ieri

La prima iniziativa (“La Campania entra in classe, dai Campi Flegrei a Padula”) è giunta ormai alla decima edizione ed ha come obiettivo “la scoperta del patrimonio artistico, naturalistico, gastronomico ed umano della nostra regione”, partendo proprio dai Campi Flegrei “perchè qui le più importanti civiltà del passato hanno voluto lasciare in modo forte i segni quasi eterni del loro passaggio”. Il programma prevede visite guidate, laboratori, spettacoli e minicrociere, con l’obiettivo “di trasmettere un rapporto più rispettoso e dignitoso con il nostro ambiente” e di raggiungere “una maggiore integrazione tra scuola, mondo del lavoro e territorio”.

Il secondo progetto (intitolato “Il turismo e la cultura incontrano la scuola flegrea”) è invece incentrato su “incontri informativi a scuola con varie figure professionali legale al mondo del turismo e della cultura, tra cui guide turistiche, consulenti turistici, archeologi, storici dell’arte e direttori d’albergo”, per fare in modo che  “gli studenti interagiscano in modo diretto con le varie figure professionali ponendo domande e cercando di capire il cammino da seguire per ogni tipo di attività”.

Come ha infatti spiegato Pasquale Cirillo, promotore di entrambe le iniziative, “spesso i cittadini, ed in modo particolare gli studenti flegrei, sentono parlare sbigottiti dei grandi processi di trasformazione che il nostro territorio si appresta a vivere. Dopo la lunga parentesi industriale ed i 30 anni di stallo assoluto, in cui a Pozzuoli e nei Campi Flegrei, è mancata qualsiasi linea progettuale in merito allo sviluppo turistico-culturale, si è consolidata purtroppo una mancanza di identità tale da rendere spesso cittadino e territorio due elementi estranei. Portando l’esempio del Rione Terra e della navi da crociera a Pozzuoli –secondo Cirillo- si ha la sensazione che la scuola locale sia ancora un soggetto troppo passivo in un percorso che dovrebbe coinvolgerla da assoluta protagonista. E’ necessario aprire le attività scolastiche alla vita del territorio, attraverso una migliore e maggiore sinergia con il mondo del lavoro, per una maggiore consapevolezza degli studenti rispetto al loro futuro”.

Nelle otto foto in basso, il programma completo delle iniziative.

spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli pubblicati