Ci sono ma restano inattivi, senza cioè aver ancora registrato alcuna infrazione.

E’ la clamorosa novità che apprendiamo sui due autovelox installati lungo la variante tra via Solfatara e via Fascione, in corrispondenza degli scavalchi di via Celle e via Artiaco.

Gli impianti, secondo l’ordinanza sindacale firmata l’8 agosto dal sindaco Figliolia (e  di cui non c’è traccia  di revoca all’Albo Pretorio, almeno fino al momento in cui scriviamo), dovevano essere già in funzione dalla mezzanotte di domenica 1 settembre.

Ma proprio oggi, su sollecitazione di numerosi automobilisti  che avevano captato mezze ammissioni da parte di alcuni vigili urbani, abbiamo appreso, in via ufficiosa ma da fonti certe, che entrambi i rilevatori di velocità sono “dormienti” e non si sa ancora quando cominceranno a macinare contravvenzioni in caso di superamento del limite di 50 orari.

Il motivo di questo intoppo sarebbe nel mancato posizionamento di tutta la segnaletica prevista da parte del proprietario di due autovelox, ossia la Flegrea Petroli, società titolare del distributore di carburante che dovrà essere aperto proprio su questa variante, in una curva molto pericolosa, in virtù di una specifica convenzione che l’impresa ha firmato con l’Amministrazione Comunale.

Quindi, per adesso non c’è pericolo che arrivino multe se qualcuno avesse già “sgarrato” su quella bretella.

Tuttavia, proprio alla luce di questa situazione, sarebbe opportuno che il Sindaco facesse chiarezza ufficialmente.

Comunicando, come peraltro è suo dovere, alla cittadinanza cosa sta accadendo e quando, stavolta senza possibilità di equivoci, quegli autovelox saranno realmente operativi.

Commenti