La signora Emilia Di Fraia, allettata dopo l'incidente

Possibile che nessuno abbia visto nulla alle tre del pomeriggio in un quartiere popoloso come Monterusciello?

Che non si riesca a risalire neanche all’anonimo che ha allertato i soccorsi? Che nessuno abbia un rigurgito di coscienza?

Sono le domande che da mesi tormentano la signora Emilia Di Fraia e i suoi familiari, vittime di un grave caso di pirateria stradale consumatosi il 5 luglio scorso, in pieno giorno.

La signora Emilia Di Fraia

L’anziana, che ha 79 anni, stava percorrendo a piedi via Giorgio De Chirico, all’altezza del civico 26, servendosi regolarmente del marciapiede, quando è stata improvvisamente e violentemente travolta alle spalle da una vettura che l’ha scaraventa a terra, facendola volare in avanti e impattare al suolo con il volto e il costato.

L’automobilista, però, non si è fermato: l’anziana non ha fatto a tempo a rendersi conto di nulla, non riusciva neanche a muoversi, e, tutta dolorante a terra, ha potuto solo invocare aiuto, ma il suo investitore l’ha abbandonata al suo destino.

La donna ha sentito soltanto il rumore dell’accelerata dell’auto pirata e la sgommata per allontanarsi a tutto gas: stesa com’era, faccia all’ingiù, non è riuscita a distinguere neanche il modello della macchina.

Per fortuna, poco dopo, è arrivata un’ambulanza del 118 del “Santa Maria delle Grazie”, ma anche chi ha chiamato i soccorsi è ignoto: la telefonata, infatti, era anonima, e il dubbio è che possa essersi trattato dello stesso pirata.

I sanitari hanno immobilizzano l’anziana, l’hanno caricata in barella e trasportata all’ospedale cittadino per le cure del caso. Per fortuna se l’è cavata, ma ha riportato traumi e una prognosi pesanti, tanto più per una persona di una certa età: frattura del setto nasale e del bacino, frattura costale multipla, perdita di tre denti, botte ed ematomi in tutto il corpo.

Via Giorgio De Chirico a Monterusciello: il luogo dell’incidente

La 79enne è stata dimessa dall’ospedale ma ha avuto a lungo bisogno di assistenza h24, ci vorrà ancora molto tempo perché possa riprendersi e non tornerà più come prima.

La vittima e il figlio, dunque, per essere assistiti e ottenere giustizia, attraverso la consulente personale Mila Tizzano, si sono affidati a Studio 3A, società specializzata a livello nazionale nella valutazione delle responsabilità in ogni tipologia di sinistro, a tutela dei diritti dei cittadini.

E’ stato subito lanciato un appello alla ricerca di testimoni ed è stata presentata formale denuncia-querela contro ignoti presso la stazione dei carabinieri di Pozzuoli indirizzata alla Procura di Napoli in cui venivano esposti i fatti, chiedendo all’autorità giudiziaria di profondere ogni sforzo per rintracciare e perseguire il pirata, valutando anche l’opportunità di acquisire i tabulati telefonici per accertare l’identità di colui che aveva chiamato l’ambulanza inviando i soccorsi sul luogo dell’investimento.

Purtroppo, però, ogni tentativo si è rivelato vano.

Nessun testimone si è mai fatto avanti e nella zona non sono presenti telecamere.

Risultato, le indagini si sono arenate e il pirata rischia di farla franca e di non essere perseguito, come dovrebbe, per i reati di omissione di soccorso e lesioni stradali gravi.

Non solo. Se non si riuscirà ad acquisire qualche elemento, l’anziana non sarà nemmeno risarcita per i gravi danni fisici e morali patiti.

Come in tutti i casi in cui non è noto il veicolo che ha causato l’incidente, Studio 3A ha presentato domanda di risarcimento al Fondo di Garanzia Vittime della Strada, istituito proprio per intervenire e fornire tutele in questi casi, ma Generali, la compagnia di assicurazione mandataria del Fondo per la regione Campania, ha risposto picche. Motivo? “Non è stata fornita prova del fatto storico”.

Non basta la parola della signora, non basta il referto del pronto soccorso e tutta la documentazione medica: il Fondo pretende dei testimoni “terzi”.

Anche se sono passati più di quattro mesi, la signora Emilia e i suoi familiari non hanno ancora perso del tutto la speranza in un rigurgito di coscienza da parte di chi ha sicuramente visto.

L’appello lanciato la scorsa estate resta sempre valido: chi avesse qualche informazione può contattare le forze dell’ordine o Studio 3A al numero verde 800090210.

Commenti