Ricevo e pubblico*

Salve, signor Pontillo. Sono un puteolano che vive da 15 anni in Germania.

Siccome la seguo e lei è un attento giornalista, le volevo raccontare quello che mi è successo domenica 13 agosto alle 23.30, allegandole alcune  foto, tra cui quella della denuncia fatta ai carabinieri.

Il parcheggio ex Sofer

Vengo ai fatti: domenica mi reco con la mia famiglia a Pozzuoli perché era da tempo che non la vedevo e vado per parcheggiare la mia auto nel parcheggio del mercato, ma era con disco orario solo per due ore e i vigili urbani che si trovavano lì mi dicono di parcheggiare nella ex Sofer.

Io, non conoscendo il posto, ho chiesto se era sicuro e mi è stato detto che fino alla mezzanotte e mezza vi erano due ausiliari del traffico e una volante dei vigili urbani che ogni 10 minuti passavano per controllare.

Il deflettore dell’auto in frantumi

Ebbene, mi reco alle 23.10 a prendere l’auto e trovo un vetro rotto: non c’erano vigili urbani né ausiliari.

Siamo andati a chiamarli al mercato e qui viene il bello: il primo vigile urbano mi dice che mi sono rotto il finestrino da solo!

Io, sbalordito, chiedo di parlare con qualche suo collega, mi dicono che ci sono le telecamere e continuavano ad insistere che io avevo rotto il vetro, rispondendo in malo modo.

La denuncia presentata ai carabinieri

Quando poi ho iniziato a fare le foto della macchina rotta e del posto, il vigile anche indispettito mi ha detto che andava via perché stavo a fare i selfie!

Sono sconvolto: non sapevo che a Pozzuoli ci fossero vigili urbani così poco preparati e scostumati.

La ringrazio.

*Vincenzo Chiocca

 

(d.p.)  -La vicenda esposta dal signor Chiocca ha davvero del surreale. Per completezza di informazione, bisogna dire che, nella denuncia sporta lunedì mattina presso i carabinieri della stazione di Pozzuoli, l’automobilista in questione si limita a sottolineare che i vigili urbani, pur rilevando il danneggiamento, non hanno rilasciato alcun verbale di constatazione, ma non si fa alcun cenno alla grave accusa che quei vigili gli avrebbero, a suo dire, imputato. Certo è che se il signor Chiocca è ritenuto davvero da quei vigili una persona che ha simulato un reato, gli stessi agenti dovrebbero aver già formulato una denuncia a suo carico. Restiamo a disposizione della Polizia Municipale di Pozzuoli: se dal Comando di via Luciano vorranno replicare a questa lettera, saremo ben lieti di ospitare la loro versione dei fatti.