Esattamente come a fine gennaio dell’anno scorso, la “banda del buco” è tornata a colpire la tabaccheria di corso della Repubblica numero 4, ai piedi del rione Terra.

Corso della Repubblica: la tabaccheria svaligiata
Corso della Repubblica: la tabaccheria svaligiata

La scoperta è stata fatta all’alba di stamattina dal titolare della rivendita, Giovanni Centrella, accorso sul posto non appena l’antifurto del negozio (collegato con il suo recapito telefonico) ha iniziato a suonare.

Troppo tardi, però, per evitare che i ladri portassero via il loro bottino.

Circa 400 stecche di sigarette (non assicurate) per un valore commerciale stimato attorno ai 20mila euro.

I malviventi, per entrare nel deposito in cui era custodito quel “tesoretto”, hanno praticamente distrutto un solaio, danneggiando le pareti di due attività confinanti con la tabaccheria, un negozio di abbigliamento e un’agenzia di assicurazioni.

Un percorso molto lungo, quello della gang, che, probabilmente, anche stavolta, come tredici mesi fa, ha utilizzato come varco principale la vicina chiesa sconsacrata del Purgatorio.

Come al solito, nonostante i fortissimi rumori che la banda deve aver prodotto (probabilmente in due notti consecutive) per raggiungere il proprio “obiettivo”, nessuno ha sentito nè visto nulla.

Sul “colpo” indagano i carabinieri, che proprio in questi minuti stanno raccogliendo la denuncia del titolare della tabaccheria.

(nelle foto, il deposito svaligiato all’interno della tabaccheria “Centrella” di corso della Repubblica)