Qualche anno fa, in un materasso trovarono e restituirono dei buoni del Tesoro.

E oggi torna alla ribalta la loro onestà con un altro bel gesto.

Stiamo parlando degli operai della “Ricicla”, l’azienda di via Montebarbaro che si occupa di comprare, selezionare e avviare a recupero i rifiuti multimateriali raccolti dalla De Vizia sul territorio puteolano per conto del Comune.

Un orologio d’oro della Baume et Mercier

Ebbene, l’altro ieri mattina, nella sede dell’impresa, si è presentata M.G., la titolare di una nota profumeria di Pozzuoli.

Disperata, ha rivelato di aver buttato per sbaglio, nel bustone della differenziata, un prezioso orologio d’oro, un 18 carati griffato Baume & Mercier.

E ha chiesto aiuto per tentare di recuperarlo prima che i rifiuti finissero nell’aspiratore e fosse irrimediabilmente distrutto.

Un appello raccolto immediatamente dagli addetti a quel tipo di lavorazione.

E così, aprendo migliaia di buste nell’arco di due giornate lavorative sotto un sole cocente, otto dipendenti della  “Ricicla” (Alessandro Adami, Mario Carandente, Luigi Carullo, Nunzio Castiglia, Luigi Conte, Pasquale Coppola, Francesco Varriale e Gaetano Varriale), sono riusciti finalmente a ritrovare il gioiello e a restituirlo alla commerciante, che aveva mostrato una foto dell’oggetto smarrito e lasciato il proprio recapito telefonico.

Gli operai della “Ricicla” che hanno ritrovato l’orologio d’oro:. Da sinistra a destra: Luigi Conte, Alessandro Adami, Nunzio Castiglia, Pasquale Coppola, Luigi Carullo, Gaetano Varriale, Francesco Varriale e Mario Carandente

La donna avrebbe voluto ringraziarli con una ricompensa in denaro, ma gli otto hanno gentilmente rifiutato l’offerta.

Ma M.G. è tornata alla carica stamattina, donando  cornetti per la colazione e un profumo ciascuno, promettendo agli operai che si sarebbe rivolta all’Amministrazione Comunale per far avere loro un ringraziamento pubblico.

L’imprenditore Lino Trincone

Una bella storia “che conferma ancora una volta la bontà e la qualità del nostro lavoro e dei nostri collaboratori”, come tiene a sottolineare Lino Trincone, direttore di “Ricicla”.

Commenti