Ricevo e pubblico*

Caro Danilo Pontillo,  Le scrivo perché le chiedo seriamente aiuto visto che fino ad ora non ne  ho ricevuto nessuno. Vorrei che Lei segnalasse e rendesse pubblica una situazione intollerabile: la continua e costante mancanza di fornitura idrica al condominio e palazzine di via San Gennaro 52a.

Abito qui da circa 40 anni, in un complesso ante 67 con regolare licenza edilizia.

Negli ultimi anni, ed in particolar modo da luglio 2020 ad ottobre 2020, siamo stati ogni giorno, e sottolineo ogni giorno, senza fornitura d’acqua dalle 7 alle 22 circa.

È inaccettabile sopportare tale disagio essendo madre di due figli piccoli e con madre anziana disabile.

Non le sto ad elencare nei particolari le problematiche igienico sanitarie, di gestione familiare, di casa, di pulizia giornaliera e altro!

Sono una regolare pagatrice, per cui oltre alla beffa il danno!

Allo stato attuale sono senza acqua da più di 24 ore (abbiamo cominciato già dai primi di marzo) e oggi siamo stanchi, avviliti ed arrabbiati ( oltre che in disagio usando bottiglie per fare tutto)!.

I fatti: il sistema di pompaggio si trova all’altezza del Parco russo civico 94 ed è ormai in manutenzione perenne e anche quando è in funzione (raramente) non riesce a dare pressione ai nostri contatori.

Circa 15 giorni fa è stato fatto un distacco con attraversamento di via San Gennaro all’altezza del nostro civico (52a) con la vana speranza di risolvere il problema, ma probabilmente i costi dei lavori su tale strada provinciale  erano più allettanti del montaggio dei singoli contatori (ad oggi ancora non installati): questo forse avrebbe risolto il problema (SEMPRE A POMPA IN FUNZIONE, OVVIAMENTE).

Vano è stato nell’ultimo anno contattare Sindaco, Comune, Giunta e Acquedotto.

Le allego foto del contatore dell’inutile manometro installato dell’Acquedotto (pressione zero) per monitorare l’andamento del flusso d’acqua.

Chiedo quindi il Suo aiuto prezioso. Non mi fermerò. Grazie.

*Federica Gentile