Da ieri sera è al settimo cielo per essere riuscito, con un colpo di fortuna e tanta sfrontatezza, ad esaudire il suo più grande desiderio: abbracciare il proprio idolo calcistico, Leo Messi.

La “pulce” è infatti a Napoli per  l’andata degli ottavi di Champions di stasera contro la formazione di Gattuso e lui, Genny Filacchione, 38enne ristoratore di Forcella  ma ormai puteolano di “adozione”, ha messo a segno un vero e proprio blitz nell’hotel di via Medina che ospita gli azulgrana.

“Ho fatto una piccola scugnizzeria – ci racconta GennyMi sono intrufolato con un gruppo di suoi amici spagnoli che volevano salutarlo. Non so come, ma, pensando che fossi con loro, hanno fatto passare anche me. E quando nella hall dell’albergo mi sono trovato di fronte Messi, non credevo ai miei occhi. Ero agitatissimo, il cuore a mille. Mi sono avvicinato a lui e gli ho chiesto di firmarmi la sua numero 10 che avevo con me, l’ha fatto con grande cortesia nonostante la sua cena fosse già in tavola e i compagni di squadra lo stessero aspettando. Mi ha perfino invitato a non emozionarmi così tanto, perché ero quasi paralizzato. Al che  gli ho risposto che ero lì per fargli vedere una sorpresa e gliel’ho mostrata: il tatuaggio della sua immagine sulla parte superiore del mio braccio destro.  Lui ha spalancato gli occhi, ha detto ‘mammamia’ e, col pennarello, ha voluto fare il suo autografo proprio lì. Adesso non vedo l’ora di fare un altro tatuaggio dove c’è la sua firma: succederà venerdì e fino ad allora non laverò questa parte del corpo…”

Genny è un grande tifoso del Napoli (“vado allo stadio da quando avevo tre anni e mi portava papà, ero talmente piccolo che a volte mi addormentavo anche sugli spalti…”), per lui stasera Messi sarà un avversario, “ma resta sempre l’unico calciatore al mondo che mi lascia senza fiato quando lo vedo giocare: ancora non posso credere di aver potuto trascorrere qualche istante con lui…”.

Inutile dire che la 10 autografata di Leo è già esposta come una reliquia nella pizzeria di Napoli di proprietà di Genny, “NapoliE’”, all’altezza dei “4 palazzi” al Corso Umberto 128.