Un annuncio sintetico ma prodigo di informazioni, così come si fa per qualsiasi bene di cui ci si vuole (o deve) disfare.

Un annuncio che stavolta riguarda però qualcosa che tutto il mondo conosce e che non tutti sanno essere proprietà privata.

Stiamo parlando della Grotta della Sibilla,  sulle sponde del lago d’Averno, sito archeologico di epoca romana che da stamattina è stato messo in vendita sul gruppo Facebook “Mercatino di Pozzuoli e Monterusciello”.

A pubblicare il post è stato il signor Giovanni Pinelli, che, agli oltre 30mila iscritti nel gruppo, si presenta come una sorta di intermediario tra i titolari del bene e i potenziali acquirenti.

Qualificandoci come giornalisti, a lui abbiamo chiesto in privato, nella chat del gruppo, un contatto immediato per saperne di più, lasciando il nostro recapito, ma finora non abbiamo ottenuto riscontri.

Sappiamo dunque dirvi al momento soltanto che, da sei anni, la Grotta della Sibilla non è più visitabile e che lo è stata per tanto tempo grazie all’anziano ‘custode’, Carlo Santillo, che, avendone le chiavi del cancello di ingresso, faceva da guida volontaria all’interno della galleria sottostante Cuma,  dove sono custoditi numerosi affreschi e graffiti in cattivo stato di conservazione e dove, durante la seconda guerra mondiale, tedeschi e angloamericani depositavano le loro munizioni.

Nel video che segue, vi proponiamo proprio una lunga e interessante intervista a Santillo mentre fa da “Cicerone” all’interno della Grotta.