Il compianto sindaco Nino Gentile

Manca solo l’ok della Prefettura e la nuova sala del consiglio comunale di Pozzuoli potrà finalmente essere intitolata.

La scelta dell’Amministrazione è caduta su Angelo Nino Gentile, sindaco Dc della città per sette anni (dal ’69 al ’74 e dal ’79 all’81) e consigliere dal 1946 al 1979.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTA LA DELIBERA DI INTITOLAZIONE DELLA NUOVA AULA CONSILIARE

Nino Gentile, morto il 4 luglio 1989 a 72 anni, è ricordato dai puteolani come il “sindaco del bradisismo” per aver esercitato il suo più lungo mandato da Primo Cittadino nel periodo del primo sgombero, datato 2 marzo 1970.

La nuova aula consiliare (ricavata dalla palestra situata alle spalle della palazzina municipale numero 4 di Toiano e che è stata edificata con 700mila euro di finanziamenti provenienti dal progetto PIU Europa) potrebbe essere inaugurata già prima delle elezioni.

IL RENDERING DELLA NUOVA AULA CONSILIARE

2 marzo ’70: puteolani in fuga dal rione Terra

Verrà dedicata a Gentile perché, come si legge nella delibera di Giunta con cui è stata ufficializzata questa decisione, “nella vita politico-amministrativa, improntata ad un rigoroso rispetto della legalità, il professor Gentile (insignito nel 1954 dell’onorificenza di Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana e nel 1970 di quella di commendatore) ha raccolto la stima dell’intera popolazione puteolana” e viene ancora oggi ricordato “per lo spirito di servizio e il quotidiano impegno profuso nell’affrontare quella che probabilmente è stata la stagione più drammatica che la città ha vissuto nella sua storia recente”.

Il professor Gentile

“Un giusto tributo – si legge ancora nell’atto di intitolazione – ad una vita che ha mostrato passaggi di straordinaria umanità, di grande ed unanimemente riconosciuta onestà” per legare “il nome dell’aula più importante della vita democratica della città ad un uomo il cui percorso di vita, il cui comportamento, il cui costume umano e politico siano espressioni di valori in cui le generazioni presenti e future possano riconoscersi, acquisendo monito e insegnamento”.

Di seguito pubblichiamo, grazie al contributo prezioso dello storico Raffaele Giamminelli, la biografia del professor Gentile ed una sua toccante testimonianza di quanto accadde a partire dal 2 marzo 1970, giorno dell’evacuazione forzata del rione Terra: un documento, quest’ultimo, che tutti dovrebbero leggere con grande attenzione, per ricordare (a chi c’era) e far capire (ai più giovani) cosa avvenne nel corso di quel tremendo frangente e come reagì (ma, soprattutto, di quale spessore fosse) la classe politica allora al governo di Pozzuoli.

LA BIOGRAFIA DEL PROFESSOR GENTILE

LA TESTIMONIANZA DELL’EX SINDACO GENTILE SULLO SGOMBERO DA POZZUOLI NEL 1970