Un'immagine notturna del rione Terra (foto New Media Press)

Ricevo e pubblico*

Dopo quella del 26 ottobre, ottima riuscita anche della seconda assemblea pubblica di “Appello per Rione Terra”, tenutasi ieri pomeriggio presso l’hotel “Villa de Gemmis”.

Sala gremita, tante ed interessanti proposte, largo impegno a portare la voce dell’APPELLO in Città.

Dalle numerose presenze, tante proposte per le attività che l’APPELLO si prepara a svolgere per ampliare e tenere attiva l’attenzione sul futuro di Rione Terra.

Innanzitutto la costituzione di un OSSERVATORIO su Rione Terra che elabori proposte con il concorso di esperienze nazionali, crei collegamenti con istituzioni culturali ed associazioni come la “Rotta di Enea”.

Ma un OSSERVATORIO che anche controlli e verifichi l’andamento della concessione ed i benefici occupazionali e di qualità della vita che ne avrà Pozzuoli.

L’obiettivo è una Città che vigila, controlla, propone, affinché sia chiaro che a RIONE TERRA NON SI VIENE a CONCLUDERE AFFARI che NON SIANO VANTAGGIOSI ANZITUTTO per i PUTEOLANI e per la ZONA FLEGREA.

Per raggiungere questo risultato, l’impegno comune è collegare tutte le associazioni impegnate per lo sviluppo e la qualità della vita a Pozzuoli e dare vita ad una serie di iniziative che sensibilizzino e mobilitino i cittadini sul tema per poi giungere ad un EVENTO ARTISTICO-CULTURALE che articoli le proposte già avanzate e richiami sul tema un interesse che vada oltre Pozzuoli e la zona flegrea.

Prossimi appuntamenti: incontri con i cittadini che si riprendono la parola e “un’altra chiusura” della procedura del bando di concessione.

*comunicato stampa