Monsignor Gennaro Pascarella, Vescovo della Diocesi di Pozzuoli

Ricevo e pubblico*

Il Vescovo, monsignor Gennaro Pascarella, sta seguendo con attenzione, direttamente e attraverso i suoi collaboratori, le attività per la riqualificazione del Cimitero vescovile di Via Luciano a Pozzuoli.

Il cimitero è luogo di incontro con la propria storia e con il ricordo dei propri affetti e non è l’agorà dove si decidono le sorti di una città e di un popolo.

Il progetto che sarà realizzato tiene conto di ciò e garantisce equilibrio, rispetto per i vivi e per i defunti ed equità.

I resti mortali, a prescindere dalle scelte dei singoli concessionari, saranno rispettati e accolti in un cimitero degno della loro memoria.

È un progetto che ha atteso tutti i vagli autorizzativi prima di essere proposto alla cittadinanza e nulla ha di carente od omissivo, anzi porterà benefici anche alle aree comunali.

A tal proposito si ribadisce la correttezza dell’applicazione ai singoli concessionari delle spese di manutenzione e di ogni altro onere legato all’uso delle nicchie, come definito nelle concessioni che disciplinano l’area cimiteriale vescovile di Pozzuoli.

Con questo spirito e con queste importanti premesse gli uffici diocesani, incaricati dal Vescovo, stanno incontrando e dettagliando ogni particolare ai cittadini che ne fanno richiesta.

Con rammarico il Vescovo ed i suoi collaboratori hanno colto toni, espressioni ed atteggiamenti inadeguati ai luoghi e all’argomento.

Alcuni di questi passaggi hanno alimentato i social media talvolta superando il limite del buon gusto, della buona educazione e del lecito.

L’auspicio è che abbiano a cessare, evitando così ogni attività a maggior tutela della persona del Vescovo e dei suoi collaboratori.

La dialettica può essere occasione di crescita, l’offesa e l’ingiuria sono solo occasioni mancate di sperimentare la ricchezza dell’incontro.

La sede della Diocesi

Non tradendo quanto pensato e progettato, le attività di cantiere proseguiranno e dimostreranno quanto sia possibile che si realizzino cose buone, utili e degne.

A tal fine il Vescovo ha incaricato i suoi collaboratori perché, confermandosi quali interlocutori attenti e accoglienti, propongano la migliore soluzione possibile soprattutto riferita all’aspetto economico, per rispondere alle esigenze dei singoli concessionari senza determinare disagio e pregiudizio per nessuno.

*comunicato della Diocesi di Pozzuoli

Commenti