Ha del clamoroso il colpo effettuato da due ladri all’interno della tabaccheria “Terracciano”, al civico 155 del corso Umberto, sul lungomare di via Napoli.

I malviventi si sono infatti introdotti nell’attività commerciale senza ricorrere ad alcuno scasso, ma usando semplicemente una chiave.

E’ accaduto venerdì pomeriggio, poco prima delle 14, appena qualche minuto dopo che il titolare, Federico Terracciano (nella foto), aveva chiuso al pubblico l’attività per la pausa pranzo.

Il proprietario del negozio aveva una importante commissione familiare da effettuare e, poiché era in forte ritardo, ha dimenticato non soltanto di prelevare l’ingente incasso della giornata ma anche di attivare l’allarme e di inserire il catenaccio a protezione dell’ingresso.

Una serie di disattenzioni evidentemente notate da chi, si presume, ne stava da tempo studiando i movimenti in attesa di poter entrare in azione.

E purtroppo così è accaduto.

I mariuoli (probabilmente un uomo e una donna, entrambi col volto travisato) senza dare nell’occhio e fingendo di dover acquistare sigarette dal distributore automatico posizionato sul portone d’ingresso, hanno messo a segno il loro piano indisturbati, complice anche la pioggia che li ha ulteriormente mimetizzati attraverso l’ombrello che hanno potuto adoperare.

Come si vede dalle immagini della videosorveglianza privata della tabaccheria, i due furfanti hanno usato una prima chiave (che però ha girato a vuoto nella serratura) e poi subito una seconda, che è andata a buon fine. Si sono dunque chiusi dentro e hanno fatto razzia.

Bottino: 30mila euro tra  denaro contante, Gratta&Vinci e ben 70 stecche di sigarette.

Il furto è stato denunciato ai carabinieri, che hanno acquisito le immagini delle telecamere del negozio e faranno la stessa cosa anche con quelle della videosorveglianza comunale.