Buone notizie per gli addobbi natalizi. L’Amministrazione Comunale ha infatti deciso che le tanto attese luminarie non saranno installate solo nel centro storico (così come inizialmente stabilito per fronteggiare le ingenti spese causate dall’emergenza maltempo) ma anche in altre zone della città.

Dunque,  oltre alla villetta di piazza Italo Balbo, piazza della Repubblica, corso Garibaldi, via De Fraia e via Cosenza (grazie al progetto “Pozzuoli illuminata” cofinanziato dalla Camera di Commercio di Napoli con 25mila euro, come abbiamo scritto il 27 novembre), saranno vestite a festa pure la “rotonda Cavani” di Lucrino e l’area antistante la piscina municipale, la zona nelle vicinanze della chiesa di San Michele al rione Toiano, piazza Aldo Moro ad Arco Felice e, inoltre, l’area a verde di Monterusciello 2 e quella nei pressi della scuola Diaz in via Severini.

Spesa totale per la seconda “ondata”: 48.190 euro, la stessa cifra investita complessivamente per la prima “infornata” di luci nel “cuore” della “movida”.

Una scelta che va sicuramente nella direzione del buon senso per evitare la sensazione di aver privilegiato puteolani di “serie A” a scapito di altri di “serie B”.

Ovviamente (a torto o ragione) ci saranno sempre ‘scontenti’.

Ma, utilizzando un altro po’ di sale in zucca, siamo certi che nelle “stanze dei bottoni”, verranno fatti, work in progress, ulteriori aggiustamenti per far sì che nessun quartiere del “capoluogo” flegreo possa sentirsi completamente escluso dalla percezione visiva  di un’atmosfera gioiosa e irripetibile come quella che si respira a cavallo tra l’Immacolata e l’Epifania.

Commenti