Come avevamo anticipato ieri in esclusiva, oltre alla diffida legale nei confronti della Città Metropolitana di Napoli, da stamattina un gruppo di cittadini ha anche fisicamente bloccato l’avvio dei lavori di manutenzione del tunnel di collegamento tra Pozzuoli e Quarto.

Con striscioni e volantini, i manifestanti (circa una ventina)  hanno occupato entrambi gli accessi della galleria impedendo di fatto l’arrivo dei mezzi della ditta che avrebbe dovuto iniziare, da oggi (e fino al 7 aprile, 24 ore su 24 con apertura solo dalle 17 di ogni venerdì alle 9 di ogni lunedì) questa importante opera pubblica.

Una protesta che non è contro gli interventi da effettuare ma contro gli orari scelti per eseguirli e che mira a far spostare i lavori soltanto di notte o in modo da non chiudere una via di fuga in caso di emergenza sismica.

LE FOTO DELLA PROTESTA (immagini gentilmente concesse da Dario Vannucchi)

Sul posto, per cercare di sbrogliare la matassa, ci sono i vigili urbani puteolani e quartesi nonché la polizia provinciale.

L’opera di mediazione è condotta anche dal consigliere metropolitano, Paolo Tozzi, che ha spiegato (anche ieri sul proprio profilo Facebok) come sia impossibile, per una questione burocratica e finanziaria, organizzare diversamente i lavori.

I manifestanti, per ora, non mollano e, di fatto, tengono la strada aperta al traffico nonostante debba essere chiusa.