Se pensavate che certe cose potessero capitare soltanto al ragionier Fantozzi, ebbene sappiate che a Pozzuoli due giovani lavoratori della ristorazione hanno rischiato di finire in gattabuia solo per un’impressione sbagliata da parte di una coppia di poliziotti.

E’ accaduto nel tardo pomeriggio di ieri all’interno del parcheggio ex Sofer di via Fasano, dove due fratelli, un aiutante cuoco e un cameriere di un locale del centro, hanno vissuto una disavventura che difficilmente potranno dimenticare.

A raccontarcela è Pasquale, uno dei due malcapitati.

Pasquale, cosa vi è successo?
E’ successo che siamo arrivati davvero al colmo. Ieri, intorno alle 18.20, io e mio fratello stavamo per parcheggiare nell’area gratuita ex Sofer, come facciamo ogni giorno pur di poter andare a lavorare senza dover spendere una cifra, visto che, per più di due ore, se non hai la possibilità di pagare un botto in grattini, non puoi sostare liberamente da nessuna parte. Parcheggiamo nell’ex Sofer perché non abbiamo altra scelta e lo facciamo nonostante lì dentro facciano razzìe tutti i giorni: a me hanno già rotto una serratura e rubato lo stereo, ad altri è andata anche peggio.  

E il colmo dove sta?
Sta nel fatto che, proprio mentre stavamo parcheggiando, siamo stati affiancati da una Seat del Commissariato, a bordo c’erano un poliziotto ed una poliziotta. Ci hanno puntato una pistola contro intimandoci di mettere le mani fuori al finestrino e di non muoverci altrimenti avrebbero sparato.

E per quale motivo?
Lo abbiamo scoperto dopo essere stati un quarto d’ora in quelle condizioni. Hanno chiamato persino i rinforzi. Solo dopo aver controllato i nostri documenti si sono resi conto che non eravamo quelli che stavano cercando.

Una delle tante auto assaltate dai ladri nel parcheggio ex Sofer

E chi stavano cercando?
A prima vista ci hanno scambiati per due rom di Giugliano che in quel parcheggio pare abbiano fatto molti furti e che a questo punto speriamo  arrestino presto. La nostra colpa evidentemente era quella di avere entrambi la carnagione scura, mio fratello anche la barba: forse somigliavamo a quei ladri. Roba da matti: noi derubati scambiati per mariuoli!   

Vi hanno chiesto scusa i due poliziotti appena si è chiarito l’equivoco?
Sì. Erano mortificati e sfido chiunque altro a non esserlo al loro posto. Però dico io, prima di puntare una pistola addosso per un quarto d’ora a due persone, volete prima vedere se hanno un atteggiamento sospetto, come si comportano? E, comunque, se pensate che siano dei malfattori, controllate prima i documenti, no?

Una telecamera di sorveglianza installata nel parcheggio ex Sofer

Pasquale, però un lato positivo di questa spiacevole esperienza almeno c’è: il parcheggio ex Sofer è monitorato dalle forze dell’ordine…
Eh sì, a Pozzuoli abbiamo o tutto o niente. Eppure, visto che i ladri continuano a rubare lì dentro anche con le telecamere, evidentemente la videosorveglianza non serve, ci vuole una vigilanza fissa per 24 ore. E questa vigilanza giorno e notte credo sia impossibile da parte di polizia e carabinieri. Dovrebbe garantirla il Comune,  che però a me sembra più interessato ad utilizzare i vigili urbani per far cassa con le multe. Spero che il Sindaco legga queste mie parole e rifletta su cosa bisogna fare per offrire maggiore sicurezza in quel parcheggio.