domenica, Giugno 16, 2024
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

L’ira di Trump dopo la condanna, attacca Biden e i giudici. Cosa succede adesso

Annunciato l’appello “contro questa farsa”, intanto record di donazioni

Roma, 31 mag. (askanews) – “Faremo appello contro questa farsa, faremo appello su diverse basi”: Donald Trump ha confermato l’intenzione di appellarsi contro la condanna in primo grado inflittagli ieri da un tribunale di New York per il caso Stormy Daniels.

Trump ha criticato il giudice Juan Merchan affermando che “non ci ha permesso di chiamare i testimoni, non ci ha permesso di parlare, non ci ha permesso di fare nulla, il giudice è un tiranno”. “Io sono il candidato favorito, e di molto, e sto portando i Repubblicani alla vittoria” ha insistito Trump nel primo discorso dopo la sua condanna per il caso Stormy Daniels, e ha puntato poi il dito contro l’Amministrazione Biden. Joe Biden “è il peggior presidente della nostra storia, il più incompetente, il più stupido, il più disonesto”: Donald Trump ha attaccato violentemente il rivale Democratico nella corsa alla Casa Bianca nel corso della conferenza stampa.

Trump ha accusato al Casa Bianca di essere l’artefice della sua condanna. “Tutto questo è opera di Biden e dei suoi, forse più dei suoi perché non so quanto ne sappia Biden, non so quanto ne sappia di qualunque cosa; ma tuttavia è il Presidente e dobbiamo usare il suo nome, e tutto questo è stato fatto a Washington e non si è mai visto niente di simile”, ha proseguito. “Sono disposto a fare qualunque cosa per salvare il nostro paese e salvare la nostra Costituzione, e quindi continueremo a lottare: renderemo l’America di nuovo grande”, Trump ha chiuso così la conferenza stampa tenuta a New York il giorno dopo la sua condanna per il caso Stormy Daniels.

“Ricordatevi, il 5 novembre è il giorno più importante della storia del nostro Paese” ha concluso, riferendosi alla data delle presidenziali.

Essendo stato condannato per 34 capi di imputazione, l’ex presidente Donald Trump non potrà possedere armi, ricoprire cariche pubbliche e nemmeno votare in molti stati. La Florida è uno degli stati che non protegge il diritto di voto. Tuttavia lo stato si rimetterà alle decisioni degli altri stati quando condannano loro residenti.

New York conserva il diritto di voto per un condannato, con un’eccezione: scontare la sentenza in carcere. Se Trump venisse condannato ai domiciliari e privato della libertà di movimento potrebbe continuare a fare campagna elettorale attraverso eventi virtuali. Ma in un’America profondamente divisa, non è chiaro se lo status di Trump come persona condannata per un crimine avrà qualche impatto sulle elezioni del 2024.

Intanto, la raccolta per la campagna elettorale dell’ex presidente Donald Trump ha quasi raddoppiato il record di raccolta fondi in un solo giorno, dopo la condanna. Secondo i dati forniti dallo staff della campagna, l’ex presidente avrebbe raccolto 34,8 milioni di dollari da piccoli donatori: quasi il 30% di loro era nuovo nella piattaforma.

spot_img

Latest Posts

spot_img
spot_img
spot_img

ALTRI ARTICOLI

ARTICOLI PIU' LETTI