Lucrino, la villetta che sarà intitolata a Nino Taranto

Saranno intitolati a Nino Taranto i giardini pubblici di Lucrino, la frazione puteolana dove il grande attore per vent’anni ha avuto la sua residenza estiva.

Lo ha deciso l’Amministrazione Comunale con una delibera di giunta che risale a quattordici mesi fa, ma la novità è che mancano pochi giorni al “battesimo” ufficiale dell’area verde e che stasera, a partire dalle 20, al cinema-teatro “Sofia” si terrà un evento commemorativo dal titolo “110 e lode”, per celebrare i 110 anni dalla nascita di Nino Taranto, avvenuta il 28 agosto 1907.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA DELIBERA DI INTITOLAZIONE DEI GIARDINI DI LUCRINO A NINO TARANTO

Un’altra immagine della villetta di Lucrino

Alla manifestazione (condotta da Giuseppe Giorgio), patrocinata dal Municipio puteolano e voluta dalla Fondazione Nino Taranto (di cui è segretario il primario pneumologo Francesco de Blasio, nipote di Taranto: sua mamma è la primogenita di Nino) in collaborazione con l’Agis, parteciperanno artisti e personalità del mondo dello spettacolo, tra cui: Francesca Marini, Ciro Capano, Antonio Merone, Antonio Casagrande, Massimo Masiello, Corrado Taranto, Lara Sansone, Giacomo Rizzo, Giulio Adinolfi e Tullio Del Matto.

La statua che raffigura Nino Taranto mentre suona la caccavella

Nei giardini comunali intitolati a Nino Taranto sarà posizionata una statua (risalente al 1953 ed opera dei maestri ceramisti di Vietri) che raffigura l’attore alla prese con la caccavella, strumento musicale di cui Taranto aveva utilizzato il nome per intitolare la sua villa di via Tripergola a Lucrino, situata proprio di fronte al luogo in cui attualmente si trova la piscina comunale.

 

Commenti